Perché Montezemolo ha lasciato la Ferrari

Il vero motivo dell'addio dello storico presidente è molto semplice: totale incompatibilità di carattere con Sergio Marchionne. Ecco tutti i motivi dello scontro

Luca Cordero di Montezemolo insieme con Sergio Marchionne – Credits: Sebastian Derungs-Afp

Marco Cobianchi

-

Il motivo del licenziamento milionario di Luca Cordero di Montezemolo da parte di Sergio Marchionne è molto semplice, quasi banale. Sergio non sopporta Luca. Non lo ha mai potuto vedere perché Luca è esattamente il contrario di Sergio. Mai nella storia industriale italiana due caratteri così diversi sono stati costretti a convivere per così tanto tempo.

Luca che adora i suoi vestiti doppio petto di cashmere pettinato, Sergio sempre in maglione scuro e, spesso, in jeans; Luca che nella vita è diventato quello che è diventato grazie all'amicizia con l'Avvocato Agnelli, Sergio che è, orgogliosamente, figlio di un carabiniere abruzzese emigrato in Canada. Luca che è stato presidente della Confindustria, Sergio che è addirittura uscito da Confindustria; Luca che ha fatto di se stesso un'icona del made in Italy, Sergio che le 5 fabbriche italiane della Fiat non sa come liberarsene; Luca che voleva entrare in politica con la sua “Italia Futura”, Sergio che ha definito l'Italia “uno zoo” perché tutti parlano... parlano... parlano...

I caratteri sono sempre stati incompatibili, nonostante i due si sforzassero di dissumularlo. Uno sforzo che a Marchionne è costato molto di più, data la sua proverbiale ruvidezza nei rapporti umani. Per dire: quando Cantarella lasciò la Fiat, Marchionne fece sparire, dalla sera alla mattina, la collezione di conchiglie rare che la figlia dell'ex manager aveva raccolto nei mari di tutto il mondo e che aveva messo in mostra nell'atrio della sala mensa quadri del Lingotto. Per uno così, dire che se "Italia Futura" di Montezemolo si fosse presentata alle elezioni lui l'avrebbe votata dev'essere stato uno sforzo al limite dell'umano. È una delle tante piccole ipocrisie alle quali si ricorre per dare l'immagine di una coppia felice quando invece è già scoppiata da tempo.

Anche perché c'è un altro particolare che non va sottovalutato. Mentre Marchionne si dannava l'anima per cercare di tenere in piedi la Fiat in Italia, Montezemolo presidente anche della Fiat dal 2004 al 2010, oltre a svolgere il suo ruolo di rappresentante della società, andava in giro per il mondo con la Ferrari da Formula1. Per Sergio, abituato a lavorare 25 ore al giorno, vedere Luca discettare su campionato e piloti comodamente seduto al paddock della Rossa deve avergli fatto ingrossare le vene dalla rabbia. Sarà per questo che la Fiat non ha mai dato un soldo alla Ferrari e che l'attività agonistica è sempre stata finanziata solo con gli utili provenienti dalla vendita delle auto commerciali. D'altra parte, deve aver pensato Marchionne, se la famiglia Agnelli (o quel che ne resta) non dà soldi a me per mandare avanti la Fiat, perché mai io dovrei dare soldi alla Ferrari che, tra l'altro, ha bilanci migliori dei miei? Già, l'ultimo dettaglio è proprio questo: la Ferrari produce utili, la Fiat produce perdite. Per Sergio dev'essere stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ferrari, cosa c'è dietro lo scontro tra Marchionne e Montezemolo

Non sarà l'amministratore delegato della Fiat a decidere il futuro del presidente della Ferrari, ma l'azionista. Che non ha ancora parlato

Commenti