Mps: perché lo Stato potrebbe salire al 7%

Accadrebbe se il gruppo dovesse decidere di pagare gli interessi dovuti sui Monti Bond in azioni

La sede del Monte dei Paschi a Siena – Credits: Epa Photo/Ansa

Redazione Economia

-

Il Tesoro potrebbe salire dal 4% al 7% di Mps per effetto del pagamento degli interessi residui sui Monti bond (primo semestre 2015). È quanto riporta Bloomberg citando indiscrezioni di stampa. Il pagamento degli interessi scade a luglio.

Il contratto firmato nel 2013 dalla banca col Tesoro prevede che Mps debba pagare gli interessi sui Monti-bond in contanti o in azioni in caso di bilancio in perdita. La banca senese ha chiuso il 2015 in utile grazie all'effetto contabile positivo derivante dalla chiusura del derivato Alexandria. Tema del contendere, quindi, è come sarà interpretato il risultato 2015 dell'istituto di Rocca Salimbeni.

Mps non detiene più strumenti sottoscritti dal Mef dallo scorso giugno, ovvero dal pagamento di 1,11 miliardi. Rimborso che seguiva l'altro da 3 miliardi di luglio 2014, quando la banca aveva avviato in anticipo, rispetto alla scadenza del 2017, la restituzione degli aiuti di Stato ricevuti a febbraio 2013 quando il Tesoro aveva sottoscritto 4 miliardi di strumenti subordinati convertibili emessi da Siena.

Intanto il presidente della Fondazione Cariplo e dell'Acri, Giuseppe Guzzetti, non commenta le indiscrezioni di un eventuale intervento della Cassa Depositi e Prestiti a favore dei Monte dei Paschi di Siena. "Io non ho nulla sul tavolo, chiedete a Cdp", afferma Guzzetti a margine di un evento della Fondazione Cariplo sul Welfare di Comunità. "Aspettiamo cosa elaborano, io guardo sempre in positivo" si limita ad aggiungere.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Mps-Bancoposta, perché la fusione è difficile

Il Mef smentisce. Troppi gli elementi contrari a un'operazione pubblico-privato

Azionisti Mps, come costituirsi parte civile

La procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio degli ex vertici del Monte dei Paschi di Siena. Le iniziative delle associazioni dei consumatori

Ubi-Mps e Bpm-Banco Popolare, le fusioni in vista

Mentre i titoli bancari sono di nuovo nel mirino, si prevedono due grandi aggregazioni nel sistema creditizio italiano. Ma non tutto potrebbe filare liscio

Commenti