Marina Berlusconi: Attenzione alla dittatura digitale

Il presidente di Fininvest e Mondadori a La Stampa: "Come editore voglio competere ad armi pari con le Big 5. La democrazia digitale? Non funziona"

berlusconi-maria

Marina Berlusconi, presidente Fininvest e Mondadori – Credits: Ansa

Redazione

-

È un attacco diretto ai giganti di Internet e alle conseguenze del loro potere incontrastato quello che Marina Berlusconi, presidente di Fininvest e Mondadori, affida a La Stampa in un'intervista. "Come editore voglio combattere ad armi pari con le grandi aziende del mondo Internet. La democrazia digitale? Un'utopia che non funziona, lo dimostrano i Cinque stelle" affferma. 

Il suo pensiero va soprattutto alle big 5 del web (Apple, Amazon, Google, Facebook e Microsoft) e alla dittatura digitale ormai palese. "Google controlla nel mondo quasi il 90% dei motori di ricerca, Facebook il 66% del traffico social. Ma nessuno invoca barriere. Oltre che inutile sarebbe ridicolo. Chiediamo solo che le regole valgano per tutti".

Le big five, secondo Marina Berlusconi, lavorano per "distruggere ogni mediazione, ogni passaggio tra loro e il consumatore finale, per mettere fuori mercato tutti gli operatori della catena produttiva-distributiva con prezzi insostenibili grazie alle economie di scala che la globalizzazione consente e alla tecnlologia. Una volta padroni del mercato saranno liberi di imporre a tutti le loro condizioni". Il punto è: "Siamo sicuri che una volta eliminati editori, librai, agenti letterari, Amazon non deciderebbe che farci leggere, quando, a che prezzo? Che fine farebbero - si chiede quindi Marina Berluconi - i discorsi sul pluralismo?"

"Sono preoccupata - aggiunge - anche come madre perché i nostri figli" fanno parte della generazione "Google in your pocket" che può disporre di qualsiasi informazione in qualsiasi momento. "I ragazzi rischiano però di considerare superfluo approfondire e apprendere anche nel senso di ricordare. Rischiano di essere meno capaci di stupirsi, meno liberi di annoiarsi e di trasformare la noia in fantasia".

E quanto alle interferenze di Internet e dei social nella politica, Marina Berlusconi non ha dubbi: "La democrazia digitale è un'utopia, pericolosa. I 5 Stelle sono la dimostrazione che non funziona quando non è addirittura un inganno. Inoltre c'è una contraddizione insanabile: se l'obiettivo della democrazia digitale è eliminare ogni mediazione, la politica dovrebbe essere l'esatto opposto: in nome dell'interesse generale, la mediazione tra interessi particolari".

© Riproduzione Riservata

Commenti