Aziende

Futur-E: l'energia si trasforma per creare valore

ENEL-civita3-RGB

Il progetto Futur-E nasce per valorizzare gli impianti (o parte di essi) Enel fuori dal mercato produttivo con l'obiettivo di trovare modalità nuove di riqualificazione con privati, istituzioni, comunità e imprenditori.

Forse qualcuno ricorda che tra le mete preferite delle gite scolastiche, tra gli otto e i dieci anni, c'è sempre la visita a una centrale elettrica. Sui libri di scuola si legge di dighe, turbine, alternatori: parole quasi magiche che trovano finalmente spiegazione appena le si vede “in azione dal vivo”, e che alimentano ulteriore stupore. Sul territorio se ne incontrano spesso: grandi e misteriosi impianti che un tempo faticavamo a comprendere fino in fondo, ma catturavano da subito la nostra immaginazione. E ora è proprio di immaginazione e creatività che queste centrali in procinto di fermarsi per sempre hanno bisogno. Sebbene il modo di produrre energia sia cambiato con l’avanzare delle tecnologie, e le centrali si stiano adeguando a nuovi bisogni e valori come l'efficienza e la sostenibilità, quelle antiche esistono. Come possiamo dare nuova vita a questi spazi?

 

Ci pensa Enel, leader nel campo dell'energia, che con il progetto Futur-E per la riconversione e valorizzazione di oltre venti siti obsoleti e non più competitivi. Un domani dove i vecchi impianti che ormai appartengono alla cultura e al paesaggio di una comunità possano dare ancora valore a un territorio. Diventare hub culturali o dar vita a nuove possibilità economiche come è successo per la Tate Modern, una delle gallerie d'arte più famose al mondo, sorta sulle “ceneri” della Bankside Power Station di Londra, ex centrale a nafta.

O come succederà alla centrale turbogas di Alessandria. Enel infatti nel 2015 è partita proprio da Alessandria con un progetto pilota attivando un “Concorso internazionale di idee” con la collaborazione di partner come il Comune di Alessandria, il Politecnico di Milano e l'Università del Piemonte Orientale. Il risultato è stato sorprendente. C'è chi si è immaginato un parco a tema dedicato agli sport estremi, “Xtreme Xperience Land”, progetto vincente al concorso, chi un polo agricolo di attrazione ed eccellenza, un “Anello di una storia che continua” e chi invece un Centro Oncologico con Residenze assistite e Trattamenti riabilitanti. Una menzione speciale per altri due progetti: “E-City”, che propone di riconvertire la centrale in un laboratorio per stoccaggio, ricarica e distribuzione dell’energia pulita, e “Lissandria Innovation Garden” che vuole creare un campus polifunzionale con la presenza di aree didattiche e spazi per il co-working con servizi di incubazione e accelerazione di impresa.

“I risultati del primo concorso internazionale di idee – ha detto Carlo Tamburi, Direttore Country Italia di Enel – confermano che la strada intrapresa con Futur-E è giusta: il coinvolgimento delle Istituzioni e delle Università, l’apertura agli stakeholder e ai cittadini hanno generato un circolo virtuoso che ha fatto registrare una vastissima partecipazione e una grande qualità dei progetti presentati. Stiamo proseguendo in tutta Italia con concorsi, laboratori di idee e progetti aperti al territorio per dare nuova vita ai 23 impianti di Futur-E e una grande opportunità di sviluppo innovativo ai territori”.

Le situazioni sono molteplici, oltre agli impianti inglobati nel tessuto urbano ci sono centrali che potrebbero continuare a produrre energia elettrica utilizzando tecnologie e fonti alternative come le biomasse, riducendo la potenza installata e organizzando una filiera corta e sostenibile o quelle – ed è il caso di Alessandria - che seppure non sorgano in città non possono più continuare l'attività di generazione elettrica.

Anche le strade proposte da Futur-E sono diverse: si va dal concorso di idee, al laboratorio di idee, alla manifestazione di interesse per la riqualifica e acquisizione dei siti.

I Bandi per la Manifestazione di Interesse si stanno concludendo a Rossano Calabro, Porto Tolle e Montalto di Castro. Enel sarà supportata nella Procedura dal Politecnico di Milano, partner tecnico per la valutazione della qualità tecnica e della sostenibilità ambientale, sociale ed economica delle proposte progettuali. In cosa si potranno trasformare?

Futur-E è una nuova modalità per generare energia. Scopri di più visitando www.futur-e.enel.it.

© Riproduzione Riservata