Forbes: le dieci aziende che hanno in mano il pianeta

La classifica si basa su fatturato, profitti, attività e capitalizzazione. Sul podio Icbc, China Construction Bank e JPMorgan Chase. Eni, la prima italiana, è al 30° posto

La sede di Icbc a Hong Kong (Credits: MN Chan/Stringer-Getty Images)

Cinzia Meoni

-

Istituti finanziari e gruppi petroliferi dettano legge in quello che ormai è, a tutti gli effetti, un unico enorme mercato globale. È questa la fotografia che emerge da Forbes Global 2000 , la classifica delle duemila più potenti società quotate nel mondo che annovera 469 gruppi finanziari (nove in meno dello scorso anno) e 124 società petrolifere. La lista del magazine, giunta ormai al suo decimo appuntamento, utilizza quattro parametri per formare la graduatoria dei gruppi più influenti: fatturato, profitti, attività e capitalizzazione. Uno solo di questi elementi infatti non sarebbe sufficiente per evidenziare la potenza di un gruppo.

Le società presenti provengono da 63 Paesi (rispetto ai 51 del 2004, l'anno in cui è stata inaugurata la classifica), generano ricavi per 38 mila miliardi di dollari (+6% rispetto un anno fa) e utili per 2,43 mila miliardi, vantano una capitalizzazione complessiva di 39 mila miliardi (+7%) e danno impiego a 87 milioni di persone al mondo. La classifica di quest'anno annovera poi 162 nuovi ingressi di cui la maggior parte peraltro derivanti da scissioni (spin off) o da Ipo (matricole di Borsa).

Gli Usa rimangono il Paese più rappresentato con 543 presenze (19 in più rispetto al 2012), seguito dal Giappone (con 251 presenze) e dalla Cina (136). In aumento il peso di Singapore,Thailandia e Malesia. Le imprese di Italia, Spagna e Grecia portano invece i segni della recessione attraversata dai rispettivi Paesi. Il primo gruppo italiano in classifica, Eni , è solo al 30° posto. In tutto, Piazza Affari è rappresentata da 30 gruppi (a chiudere le fila della ridotta pattuglia è Italmobiliare al 1.925° posto) che mostrano un calo generalizzato su tutti e quattro i fronti presi in esame dalla classifica.

Nella top ten 2013 le sorprese non sono mancate. Anche per quanto riguarda il podio che ha visto, ancora una volta, l'affermazione della potenza economica di Pechino. Sono usciti infatti dalle prime dieci posizioni Wells Fargo e Petrobras, mentre hanno scalato i vertici due banche cinesi: China Construction Bank e Agricoltural Bank of China.

  1. Icbc (Cina). Avanza dal 5° posto ottenuto nel 2012. Fatturato: 134,8 miliardi di dollari. Utile: 37,8 mld $. Asset: 2813,5 mld $. Capitalizzazione di mercato: 237,3 mld $.
  2. China Construction Bank (Cina). Balza in alto dal 13° posto nella classifica del 2012. Fatturato: 113,1 mld $. Utile: 30,6 mld $. Asset: 2241 mld $. Capitalizzazione di mercato: 202 mld $.
  3. JP Morgan Chase (Stati Uniti). In calo dal 2° posto ottenuto nel 2012. Fatturato: 108,2 mld $. Utile: 21,3 mld $. Asset: 2359,1  mld $. Capitalizzazione di mercato: 191,4 mld $.
  4. General Electric (Stati Uniti). Scende dal podio: lo scorso anno si era attestata al 3°. Fatturato:  147,4 mld $. Utile: 13,6 mld $. Asset: 685,3  mld $. Capitalizzazione di mercato: 243,7 mld $.
  5. Exxon Mobil (Stati Uniti). Crolla rispetto al primo posto conquistato nel 2012. Fatturato:  420,7 mld $. Utile: 44,9 mld $. Asset:   333,8 mld $. Capitalizzazione di mercato: 400,4 mld $.
  6. Hsbc Holdings ( Regno Unito). Stegile rispetto al 2012. Fatturato:  104,9 mld $. Utile: 14,3 mld $. Asset: 2684,1  mld $. Capitalizzazione di mercato: 201,3  mld $.
  7. Royal Dutch Shell (Olanda). In calo dal 4° posto ottenuto nel 2012. Fatturato: 467,2 mld $. Utile: 26,6 mld $. Asset: 360,3 mld $. Capitalizzazione di mercato: 213,1 mld $.
  8. Agricoltural Bank of China (Cina). Balza in avanti dal 19° posto ottenuto nel 2012. Fatturato: 103 mld $. Utile: 23 mld $. Asset: 2124,2  mld $. Capitalizzazione di mercato: 150,8  mld $.
  9. Berkshire Hathaway (Stati Uniti), la finanziari del guru Warren Buffet . In calo dall'8°posto. Fatturato:  162,5 mld $. Utile: 14,8 mld $. Asset: 427,5 mld $. Capitalizzazione di mercato: 252,8 mld $.
  10. (parimerito al 9°) PetroChina (Cina). In calo dal 7°posto. Fatturato: 308,9 mld $. Utile: 18,3 mld $. Asset: 347,8  mld $. Capitalizzazione di mercato:  261,2 mld $.
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La Cina diventa meno competitiva

Anche se l’economia ha ripreso a crescere, nell’Impero di mezzo diminuiscono i capitali esteri. Perché è iniziata la fuga verso Messico e Sud-Est asiatico.

La Cina deve crescere a due velocità

Consumi sulla costa, investimenti all'interno, questa la  ricetta del Dragone

Banche cinesi in fuga dalla City

A Londra troppe regole da rispettare: la conquista della finanza europea riparte da Lussemburgo

 

Commenti