Fiat, Marchionne e i dieci passi del cambiamento

L'ad del Lingotto ha affermato che l'azienda con lui ha cambiato volto. Dalla governance ai bilanci, dalle lotte sindacali a Confindustria, passando dagli Usa ecco tutti i passi della metamorfosi

L'ad di Fiat-Chrysler, Sergio Marchionne (Credits: ANSA/ TONINO DI MARCO)

Cinzia Meoni

-

Sergio Marchionne ha celebrato se stesso nel corso dell'assemblea degli azionisti di Torino che ha approvato il bilancio 2012. Il manager ha sottolineato come dieci anni fa il gruppo fosse "sull'orlo dell'estinzione". Oggi "la realtà di allora non esiste più, i ricavi si sono più che triplicati, allora eravamo totalmente sbilanciati verso l'Europa. Eravamo l'undicesimo costruttore mondiale oggi siamo i settimi. Siamo anni luce lontani da allora".

Certo di acqua sotto i ponti dal 2003 ne è passata. Basti pensare che Gianni Agnelli moriva il 25 gennaio del 2003 e, poco tempo, dopo lo seguiva il fratello Umberto Agnelli. La fine di un'epoca. Oggi il Lingotto è una realtà completamente diversa: un gruppo mondiale anche se (ancora per poco) radicato a Torino, meno identificato con l'Italia e, forse anche per questo, dopo le aspre lotte sindacali che hanno portato alla rottura della Fiat con la Fiom, un po' meno amata.

Ecco quindi i dieci punti essenziali del cambiamento:

1) La governance. Nel 2003 al vertice c'erano Umberto Agnelli e Giuseppe Morchio, John Elkann (attuale presidente ed erede designato dll'Avvocato) e Marchionne (a.d. dal giugno del 2004) sedevano nel cda. Tra i consiglieri non c'era nessuna donna. La svolta rosa risale solo allo scorso anno:  Christine Morin Postel,  è la prima donna in oltre cent'anni di storia a varcare la soglia del cda del Ligotto (Maria Patrizia Grieco quello di Fiat Ind.)

2) Gli azionisti. La quota di riferimento, messa in salvo grazie al noto equity swapt, oggi come ieri apparteneva alla famiglia torinese (nel 2003, il 30% faceva capo a Ifil, oggi a Exor erede delle finanziarie del gruppo). Dieci anni fa tuttavia erano presenti i libici della Lia e  le banche (Mediobanca, Generali, San Paolo Imi) entrate con l'inevitabile salvataggio del gruppo avvenuto con un aumento di capitale nel corso del 2003. Oggi, con quote superiori al 2%, ci sono solo istituzionali (Vanguard Int. al 2,1% e Ballie Gifford al 2% in Fiat e Harris Ass. e il Fondo Sovrano di Singapore in Fiat Industrial).

3) La Borsa. Nell'aprile del 2003 il titolo viaggiava intorno ai 6,2 euro. Oggi Fiato Auto ha chiuso a 4,03 euro e Fiat Inustrial a 8,5 euro.

4) I conti. Forse l'aspetto più impressionante. Fiat chiudeva il 2003 con 47 miliardi di fatturato e una perdita netta di 1,9 miliardi. Nel 2012, nonostante il freno dell'Europa, Fiat ha registrato un giro d'affari di 84 miliardi e un utile netto di 1,4. Fiat Industrial ha invece brindato a un utile netto di 921 milioni di euro su un giro d'affari di 25,8 miliardi.

5) La struttura più leggera del gruppo e l'addio alle partecipazioni non più strategiche. Il processo riorganizzazione e di semplificazione, avviato nel 2003 (che conta, tra il resto, l'addio a Toro) è ormai definito ...o quasi. Tra le eredità di un passato ormai, in cui il Lingotto era a tutti gli effetti nel circolo dei tra i salotti buoni di Piazza Affari, può a tutti gli effetti ricomprendersi il 10,4% di Rcs (chiaramente legato al patto di sindacato).

6) L'espansione e il rafforzamento nei Paesi emergenti (Cina compresa) e nel continente Americano anche grazie a Crysler. Una strategia vincente vista la recessione in corso in Europa.

7) La rottura nel 2005 del fidanzamento con GM (risaliva addirittura al 2000) grazie a cui Marchionne ha portato a Torino 1,55 miliardi di euro. Il manager con un colpo di scena aveva minacciato gli americani dell'esericio della put...ovvero li avrebbe obbligati all'acquisto, uno shopping che GM non poteva più permettersi.

8) L'acquisto di Chrysler nel 2009. Oggi l'obiettivo, come ribadito da Marchionne è l'unione delle due realtà. E ci sono ottime possibilità che questo accada prima del giugno del 2014.

9) Lo spin off (scissione o, meglio, sdoppiamento) di Fiat: dalla prima seduta del 2011 quotano due titoli distinti, Fiat Industrial e Fiat spa, così da meglio valorizzare le diverse attività del gruppo. Come Marchionne aveva spiegato all'epoca, i diversi business (macchinari industriali e auto) ormai non avevano più punti in comune.

10) La lotta sindacale e la rottura con la Fiom e l'uscita da Confindustria annunciata dalla fine del 2011 e operativa dal 2012uscita da Confindustria, annunciata a fine 2011 e operativa dal 2012

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Fiat 500, in America ora si punta anche sull’elettrica

Ecco perché, secondo l’economista Berta, negli Usa la city car ecologica può funzionare

Fiat: in America si vende, in Italia si indaga

Mentre sul mercato statunitense la 500 tocca le 100mila unità immatricolate, a Pomigliano Marchionne finisce sotto inchiesta

Fiat, a Melfi nuovo stop per la Punto

Oltre alla crisi delle vendite, ora in Basilicata ci sono anche i problemi creati dai lavori per la nuova catena di montaggio

Commenti