Aziende

Fca e le alleanze del futuro

Sergio Marchionne insiste per una fusione con Gm, ma intanto prova ad avviare collaborazioni con Google, Amazon e Uber

Sergio_Marchionne

Giuseppe Cordasco

-

Sembra essere un’azienda che si muove a 360 gradi e senza nessuna forma di pregiudizio la Fca che stiamo imparando a conoscere negli ultimi mesi e che cerca con determinazione nuove alleanze commerciali. Una strategia che è poi il risultato diretto di quelle che sono le convinzioni espresse dal suo amministratore delegato, quel Sergio Marchionne che ormai da anni predica la necessità di unire le forze, anche quelle grandi, per poter restare a galla in un settore competitivo come quello dell’automotive. E come da par suo il manager italo-canadese è passato dal dire al fare in maniera tempestiva e diretta.

Risultati Fca: i dilemmi di Marchionne sempre a caccia di alleati


Dapprima proponendo, per il momento senza successo, un’alleanza di livello stratosferico tra Fca e General Motors. Un accordo che se mai si concludesse farebbe nascere il primo colosso dell’auto al mondo. Per orsa però Marchionne deve fare i conti con il no che a più riprese gli è stato rivolto da Mary Barra, Ceo della casa automobilistica di Detroit. C’è da credere però che il numero uno di Fca non demorderà e in un prossimo futuro tornerà di certo alla carica. Nel frattempo ha però cominciato a battere altre strade, soprattutto quelle che portano alle tecnologie del futuro, quelle cioè che prevedono la circolazione di veicoli senza conducente.

Così Fca a Melfi crea 1.500 nuovi posti di lavoro


E così qualche settimana fa ha chiuso un accordo con Google, che da tempo si è imposta tra le società più attive nello sviluppo di vetture che possano circolare senza autista. L’intesa prevede la realizzazione di 100 minivan che saranno marchiati Chrysler Pacifica Hybrid. Un secondo accordo sulla stessa lunghezza d’onda potrebbe ora arrivare con Amazon. Per il momento si tratta solo di indiscrezioni giornalistiche, tra l’altro smentite dalla stessa Amazon. Eppure qualcosa pare effettivamente muoversi su questo fronte. Alla base del’intesa ci sarebbe l’intenzione di Amazon di dotarsi di veicoli che possano effettuare consegne a domicilio senza l’ausilio appunto di autisti. Da qui la possibile collaborazione con Fca, come già avvenuto appunto con Google, per la produzione di prototipi che possano essere utilizzati per le prime sperimentazioni del nuovo servizio di consegna. Staremo a vedere se effettivamente l’affare si farà.

Uber: il problema non è un’app ma l’assenza di regole


Ultimo fronte di attività per Marchionne sarebbe poi quello con Uber. Nel caso specifico torniamo a parlare di normali vetture e la prospettiva potrebbe essere ben più immediata e appetibile. Recentemente infatti Uber ha ricevuto una rilevante linea di credito del valore straordinario di un miliardo di dollari da Goldman Sachs per realizzare il progetto Uber Xchange. Il programma in questione prevede l’acquisto di vetture da concedere poi in leasing ai nuovi autisti del servizio taxi gestito appunto dalla stessa Uber. Stiamo parlando quindi di soldi già disponibili e che potrebbero essere spesi a stretto giro per l’acquisto di veicoli. Da qui l’interessamento di Fca che potrebbe divenire uno dei fornitori privilegiati di vetture per Uber.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Fca, conti record grazie all’effetto Jeep

Il gruppo guidato da Sergio Marchionne fa registrare aumenti significativi tanto nei ricavi che negli utili

FCA e Google per l'auto senza pilota: 8 cose da sapere

Ecco come sarà la nuova versione autonoma del minivan Pacifica, pieno di sensori e dotato di intelligenza artificiale

Perché General Motors dice no a Marchionne

Una eventuale fusione tra le due società converrebbe moltissimo a Fca meno al gruppo di Detroit

Marchionne e le 5 ragioni per la fusione tra Fca e Gm

Dietro l’insistenza per l’accordo ci sarebbe tra l’altro anche un interessamento di Warren Buffet

La nuova Ferrari e il futuro pensato da Marchionne

Resta sul tappeto il progetto di un polo del lusso con il Cavallino a fare da aggregatore. Occhio però anche alle scelte di John Elkann

Commenti