Aziende

Deutsche Bank, il perché della multa da 14 miliardi di dollari

Il Dipartimento della Giustizia statunitense infligge una maxi-sanzione alla banca tedesca, per aver emesso titoli tossici legati ai mutui subprime

Deutsche-Bank

Andrea Telara

-

Non batterà il record di 17 miliardi di dollari della multa che nel 2014 ha colpito gruppo Bank of America. Tuttavia, la sanzione che il Dipartimento di Giustizia statunitense vuole infliggere a Deutsche Bank si avvicina comunque a quelle cifre da capogiro. Ammonta infatti a ben 14 miliardi di dollari la somma che il governo di Washington vuole incassare dal gruppo bancario tedesco, per punirla delle sue “malefatte” compiute durante gli anni della crisi finanziaria. Quali malefatte? Si tratta dell'emissione in abbondanza di titoli tossici legati ai cosiddetti mutui subprime, quelli che hanno fatto andare a gambe all'aria mezzo sistema bancario mondiale tra il 2007 e il 2009, trascinando l'economia mondiale nella recessione.


Le peggiori banche del 2016 (finora)


Si tratta di eventi che risalgono a quasi un decennio fa ma che provocarono delle ferite ancora dolorose. Nell'estate del 2007, per chi non ricordasse bene i fatti, molti mutui-casa concessi negli Stati Uniti alle famiglie a basso reddito e ai debitori più rischiosi, i cosiddetti subprime, cominciarono a registrare una impennata nel numero di insolvenze. Nulla di particolarmente drammatico, se non fosse stato che parecchi di questi finanziamenti erano utilizzati dalle maggiori banche internazionali come collaterale per emettere una montagna di strumenti finanziari tossici. In pratica, i mutui subprime erano stati cartolarizzati, cioè “impacchettati” in titoli a reddito fisso che funzionavano un po' come le obbligazioni, con la particolarità che il debito sottostante era in quel caso rappresentato proprio dai mutui subprime. E così, saltando i mutui sottostanti, anche i titoli finanziari a essi correlati si sono trasformati in carta straccia in un baleno.


Perché la crisi di Deutsche Bank spaventa i mercati


La colpa che il Dipartimento di Giustizia americano imputa alle banche è di aver collocato a man bassa questi titoli tossici, senza informare adeguatamente la clientela e il mercato della loro rischiosità. Per questo, da qualche anno a questa parte, fioccano le maxi-multe ai danni dei maggiori gruppi finanziari del pianeta. Non fa eccezione Deutsche Bank che nel 2007 era tra gli emittenti più prolifici di titoli tossici. Il gruppo tedesco, dal canto suo, ha fatto sapere di non essere affatto intenzionato a pagare questa cifra e che le trattative con le autorità statunitensi su questa vicenda sono solo all'inizio. Non a caso, secondo diverse ricostruzioni, la somma accantonata da Deutsche Bank per affrontare il rischio di una maxi-multa ammonterebbe a soli (si fa per dire) 6 miliardi di dollari. Sembra una cifra da capogiro ma a quanto pare non lo è. L'amministrazione di Washington vuole molto di più.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Sofferenze: ecco le banche che ne hanno di più

Crescono i crediti dubbi in pancia agli istituti che necessitano secondo gli analisti di 40 - 60 miliardi di capitali freschi per rimettersi in carreggiata

Banche italiane, perché l'Economist lancia l'allarme: "Così fate vincere i 5 Stelle"

Senza un intervento del governo che eviti che il disastro si scarichi sui risparmiatori ci sarà una crisi politica. E la fine dell'Euro

Banche italiane e bail-in: l'effetto della sentenza della Corte Ue

La nuova procedura di salvataggio degli istituti è legale anche se gli Stati membri in casi eccezionali non sono obbligati a seguirla

Stress-test: i risultati per le banche italiane e straniere

MPS l'unica banca su 51 in Europa ad avere l'indice Cet1 sotto zero. Mentre all'estero soffrono molto Deutsche Bank e Commerzbank

Le banche dopo gli stress-test: perché crollano in Borsa

Lo spettro di nuovi aumenti di capitale (in particolare per Mps e UniCredit) provoca un tonfo degli istituti di credito italiani

Banche in crisi: le conseguenze su sportelli e lavoratori

Negli ultimi tre anni sono usciti 12 mila bancari e altri 16 mila esuberi sono previsti entro il 2020

Banche italiane: quale futuro dopo gli stress test

Cala la redditività degli istituti nel primo semestre, ma migliora la solidità patrimoniale. Per gli investitori resta il nodo degli NPL

Le banche nelle sabbie mobili dell'immobiliare

Il crollo del valore delle case ha spinto gli istituti a chiedere maggiori garanzie o ad aumentare i tassi, causando fallimenti e chiusure

Le 9 migliori banche per cui lavorare a Wall Street

Cambio al vertice della classifica annuale redatta da Vault.com

Commenti