Aziende

Banche, ecco tutte quelle salvate negli ultimi anni

La polemica tra Salvini e Di Maio, riapre il dibattito sull'opportunità di proteggere i risparmi dei cittadini depositati negli istituti di credito

Salvini Di Maio governo politica elezioni

Giuseppe Cordasco

-

Tra Lega e M5S, o meglio sarebbe dire tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, si apre un nuovo fronte di scontro: quello relativo al possibile salvataggio di banche che dovessero risentire in maniera drammatica della recente impennata dello spread.

Dopo le recenti roventi polemiche riguardanti il condono infatti, ora la partita politica, tutta interna al governo, sembrerebbe giocarsi intorno alla possibilità di intervenire per salvaguardare il risparmio degli italiani depositato in istituti di credito che potrebbero risultare in difficoltà.

Da una parte troviamo dunque Salvini, che, a sua detta, non esiterebbe a intervenire per difendere i soldi dei cittadini, anche attraverso il salvataggio di una banca. Dall’altra Di Maio, che invece senza mezzi termini afferma che per le banche non impegnerebbe più nemmeno un euro degli italiani.

Anche perché, e qui sta il punto, “ce ne abbiamo già messi troppi in questi anni" ha sentenziato il leader dei grillini.  E allora è proprio il caso di andare a vedere appunto, in questi ultimi anni, quali sono state le banche che sono state salvate grazie all’interevento dello Stato.

Etruria e altre tre piccole banche

L'era dei salvataggi con perdite anche per i piccoli risparmiatori è iniziata in Italia nel novembre 2015 quando vennero messe in risoluzione 4 piccole banche: Banca Etruria, Carichieti, CariFerrara e Banca Marche.

Per la prima volta in Italia venne applicata la direttiva del 'burden sharing', frutto dei maxi salvataggi a spese del contribuente già visti negli Stati Uniti e in Europa. Essa prevede il coinvolgimento anche degli obbligazionisti e non solo degli azionisti.

La decisione scatenò a posteriori una reazione dell'opinione pubblica e l’allora governo guidato da Matteo Renzi corse ai ripari varando, dopo una discussione con la Ue, un meccanismo di ristoro per i risparmiatori. A carico del Fondo di Risoluzione, pagato dalle altre banche private, venne attivato un conto di oltre 5 miliardi di euro, mentre le banche vennero cedute a Ubi per 1 euro.

Monte dei Paschi di Siena

L'istituto senese finisce nella bufera nel 2013 con la scoperta di bilanci ritoccati per coprire i costi dell'operazione Antonveneta. Arrivano 4 anni di inchieste e aumenti di capitale. A fine 2016 viene decretato il fallimento del piano di salvataggio con risorse private e la regia di Jp Morgan.

Un evento che preoccupò la Bce, la quale non concesse più tempo. Il 21 dicembre il nuovo governo Gentiloni corre allora in salvataggio del Monte con 5,4 miliardi (di cui 1,5 miliardi di rimborso agli obbligazionisti) nell'ambito del decreto Salvabanche da 20 miliardi di euro.

Il Tesoro, dopo la ricapitalizzazione eseguita a luglio 2017, è ora l'azionista di maggioranza del Monte con quasi il 70%, quota che dovrà dismettere fra qualche anno ma che per ora ha perso molto del suo valore, visto il crollo dei valori azionari.

Le banche venete

Sotto l’effetto di mala gestione, crisi economica, e fallimenti di piani di rilancio che iniziano nel 2013, vanno a gambe all’aria anche la Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Una situazione che viene scoperchiata in realtà nelle ispezioni della vigilanza che arrivano solo nel 2015.

Ancora una volta viene auspicata una soluzione di carattere privato, ma intanto la fuga di depositanti e l'emergenza liquidità porta lo Stato a dover garantire obbligazioni delle due banche per complessivi 8,6 miliardi nel febbraio 2017.

In ogni caso i tentativi di reperire nuove risorse private non riescono e a giugno le banche vengono poste in liquidazione. A questo punto Intesa Sanpaolo rileva i due istituti evitandone la chiusura. Per questo però  lo Stato versa a Intesa 4,8 miliardi di euro per cassa e 6,4 miliardi di ulteriori in garanzie.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Bond e azioni Mps, come fare per convertirli

E' paritita oggi e scade il 20 novembre l’offerta per trasformare le vecchie obbligazioni subordinate Mps in titoli ordinari. Perché conviene aderire

Mps torna in borsa: cosa aspettarsi per i risparmiatori e lo Stato

Le azioni dell’istituto toscano sono di nuovo negoziabili a Piazza Affari. Molte le incognite sul loro futuro

Mps, la morte di David Rossi: la fretta di dire suicidio e le foto sospette

Troppe cose non tornano nella morte del capo della comunicazione della Banca. Le incongruenze nei rilievi, documentate da immagini, file audio e un video

Tutti gli errori di Maria Elena Boschi su Banca Etruria

Omissioni e mezze verità hanno lasciato la narrazione della vicenda agli avversari politici che oggi la usano per azzoppare il Pd

Banca Etruria e le altre: la caccia ai responsabili della crisi

L'ultima valanga di fango colpisce il procuratore di Arezzo Roberto Rossi, ma come nei migliori polizieschi, non è ancora chiaro chi sia il vero colpevole

Banche Venete: l’effetto del salvataggio su deficit e debito

Eurostat impone all’Italia di contabilizzare diversamente i costi della liquidazione dei due istituti di credito. Piccolo buco nel bilancio pubblico

Banche Venete e manovra 2018, cosa cambia per i risparmiatori

Stanziati 50 milioni per risarcire le vittime dei crack finanziari. Ma per i consumatori si tratta di una farsa

Banche venete: ecco chi sono i cattivi debitori

Immobiliaristi, imprenditori, giocatori di calcio, case di moda e gioielli: hanno ricevuto prestiti milionari che non hanno restituito

Consob-Bankitalia, lo scontro sulle banche venete spiegato bene

Come poteva essere evitata la vendita di titoli spazzatura ai piccoli risparmiatori? Il rimpallo delle responsabilità delle due authority

Commenti