Aziende

Aziende, chi delocalizza e chi no

Da Mediaset alle griffe della moda. Le imprese che portano all’estero o riportano in Italia le loro produzioni

Electrolux-fabbrica

Andrea Telara

-

Lo studio è già pronto e la scenografia è uguale. Ma c’è una differenza: invece di essere a Cologno Monzese (Mi), nella sede storica di Mediaset, le strutture si trovano a migliaia di chilometri di distanza, a  Varsavia. Sono le location in cui verrà registrato Chi vuol essere milionario, il celebre telequiz condotto in Italia da Gerry Scotti. Il popolare presentatore tv ha preso armi e bagagli per partire alla volta della Polonia e realizzare lì uno speciale di 4 puntate che celebra il ventennale della trasmissione, prodotta in tutto il mondo in diverse lingue e versioni. 

Già, perché a uscire dall’Italia oggi non sono soltanto le fabbriche di qualche multinazionale dell’industria. A far rotta verso l’estero sono anche le produzioni della tv, visto che in Polonia tutto costa meno, dai cameramen alle maestranze. Gli economisti le chiamano delocalizzazioni e sono un fenomeno con cui i paesi i avanzati devono fare i conti da decenni. Si tratta appunto di spostamenti di produzioni industriali dalla madrepatria verso altre nazioni un po’ meno ricche, dove gli stipendi sono più bassi.

Via dall'Italia

A parte l’episodio di Mediaset, in altri settori c’è una lunga sfilza di aziende che hanno deciso di trasferire altrove le proprie fabbriche. Lo sanno bene i dipendenti dello stabilimento di Guardamiglio (Lo) della Nilfisk, multinazionale degli elettrodomestici e delle apparecchiature per le pulizie, che ha avviato la procedura di licenziamento collettivo per 97 persone. L’obiettivo è ridurre gli organici, con l’intenzione di spostare in altri luoghi la produzione di macchinari per lavare le strade. 

Non vanno meglio le cose nelle fabbriche di San Martino sulla Marruccina (Ch) della Balls Beverages, multinazionale che produce lattine per bibite. Anche lì sono in programma licenziamenti dopo che il top management ha deciso di portare alcune produzioni in Serbia. A nord come a sud, insomma, il fenomeno delle delocalizzazioni rischia di mietere un bel po’ di posti di lavoro. Ma quante sono le aziende italiane o le multinazionali che ogni anno decidono di prendere armi e bagagli per spostare oltreconfine le loro fabbriche? 

Di dati precisi non ce ne sono. Mesi fa ha provato a fare una stima la Cgia, la confederazione degli artigiani di Mestre. Tra i 2009 e il 2015, secondo la Cgia, le partecipazioni estere di aziende italiane sono cresciute del 12,5%. Spesso, più che di delocalizzazioni per risparmiare sul costo del lavoro, si tratta di  salutari e auspicabili investimenti al'estero, visto con una meta di destinazione in qualche paese industriale avanzato. Più di 3.300 sono infatti le partecipazioni detenute da imprese tricolori negli Stati Uniti, seguite da quelle in Francia (2.551), in Spagna (2.251) e in Germania (2.228).  Ci sono però molte partecipazioni di società italianne in nazioni come la Romania (2.353) e la Cina (1.698), dove il costo del lavoro costa meno e che sono stati scelti probabilmente solo per risparmiare sul personale. 

Ritorno in patria

Non va dimenticato, però, che negli ultimi anni è nato anche un fenomeno opposto alle delocalizzazioni. Si chiama back reshoring e consiste nel riportare nella madrepatria le produzione trasferite all’estero negli anni precedenti. E’ una tendenza che si riscontra soprattutto tra le grandi aziende della moda, che nella Penisola trovano molte tradizioni e capacità manifatturiere che nei paesi emergenti sono merce rara. Un report su questo fenomeno  che si intitola European Monitor of Reshoring (realizzato dalle università di Udine, Bologna, L’Aquila e Catania) ha calcolato 165 casi di aziende europee (tra cui 32 italiane) che hanno riportato a casa le loro produzioni tra il 2014 e il 2017. Tra queste ci sono molte griffe della moda o del tessile come Benetton, Bottega Veneta, Fitwell, Geox, Safilo, Piquadro, Wayel, Beghelli, Giesse e Argotractors. Il made in Italy, insomma, conserva una certa forza. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Beppe Fumagalli, ad Candy: "Delocalizzazioni irreversibili"

Sul numero di Panorama domani in edicola, il manager dell'ultima azienda italiana di elettrodomestici va in controtendenza

Le 400 aziende dove i dipendenti italiani lavorano meglio

L'indagine Panorama-Statista per misurare la soddisfazione dei lavoratori: Banca d'Italia, Ferrero e Microsoft le prime in classifica

Partire o rimanere? Le aziende rispondono con lo smart working

Influencers: come e perché le aziende iniziano a “fabbricarli” in casa

Macy’s e Sephora puntano sull’autenticità dei dipendenti per convincere i consumatori

Intesa SanPaolo e l’importanza di individuare aziende leader nei territori

Effetti speciali e digitalizzazione. Come la tecnologia trasforma le aziende

Lavoro, ecco le professioni più ricercate dalle aziende

Più di 415mila contratti di lavoro da stipulare entro settembre, ma il 26% presenteranno difficoltà di reperimento

La classifica delle imprese italiane per fatturato

Secondo uno studio di Mediobanca a primeggiare è Enel, seguita da Eni e Gse. Tra le prime cinque anche Fca Italy e Tim

Alla Sicilia servono infrastrutture: il grido delle imprese

Dalla pesca al vino all'industria pesante, un'unica voce: migliorare la logistica, la rete stradale e ferroviaria per agevolare investimenti e lavoro

Brexit: le imprese preoccupate tagliano assunzioni e investimenti

Deloitte rivela un sentiment negativo crescente in vista di un’uscita dalla Ue senza paracadute

Social lending: cos'è e perché potrebbe aiutare le imprese

Tramite piattaforme web specializzate si possono ottenere finanziamenti direttamente dai potenziali prestatori evitando di andare in banca

Commenti