Aziende

Le 400 aziende dove i dipendenti italiani lavorano meglio

L'indagine Panorama-Statista per misurare la soddisfazione dei lavoratori: Banca d'Italia, Ferrero e Microsoft le prime in classifica

Guido Fontanelli

-

Gli italiani sognano di lavorare in Banca. Ma non in una banca comune, che inizia con una minuscola. No, proprio in Banca d’Italia, un’istituzione che esercita ancora un’attrazione fortissima tra i lavoratori. Bankitalia ha conquistato infatti il primo posto in un’indagine esclusiva condotta dalla società indipendente di ricerche Statista per individuare quali sono le aziende dove si lavora meglio: il sondaggio online ha interessato più di 15 mila italiani. Dopo la Banca d’Italia, al secondo posto si è classificata la multinazionale alimentare Ferrero (al primo posto nell’edizione dello scorso anno), seguita dalla Microsoft. La Banca d’Italia impiega 6.692 persone con un’età media di 48 anni. Il 70 per cento lavora a Roma e il resto nelle 39 sedi sparse nella penisola. Lo stipendio di ingresso per un vice assistente è di quasi 30 mila ero lordi mentre per un consigliere sale fino a 55 mila euro.
Il risultato dell’indagine Statista-Panorama è una lista di 400 aziende che hanno ottenuto un punteggio superiore alla media e che potete consultare (e scaricare) in fondo all'articolo oppure vedere qui.

Ecco la lista delle dieci aziende che hanno ottenuto il punteggio più alto:

1 Banca d´Italia
2 Ferrero
3 Microsoft Italia
4 Barilla
5 Automobili Lamborghini
6 Decathlon Italia
7 Brunello Cucinelli
8 Ferrari
9 Cisco Systems
10 Hilton

Oltre a pubblicare la lista delle 400 aziende ed enti che hanno ottenuto i punteggi più alti, Statista ha realizzato anche una ventina di graduatorie di settore. In queste classifiche si posizionano ai primi posti, tra gli altri, Lamborghini, Pizzarotti, Bayer, Bticino, Enel, Apple Italia, Reale Mutua. Ve le proponiamo qui nel dettaglio.


Automobili e costruzione di veicoli
Edilizia
Chimica e farmaceutica
Meccanica e impiantistica
Elettronica ed elettrotecnica, attrezzature mediche
Materie prime ed energia
Produzione e trasformazione di materiali di fabbricazione e da costruzione
Prodotti finiti e beni durevoli di consumo
Prodotti alimentari e bevande, altri beni non durevoli di consumo
Banche e servizi finanziari
Assicurazioni
Internet, telecom e It
Trasporti e logistica
Consulenza, agenzie, studi legali e di revisione contabile
Servizi (risorse umane, immobiliari, call center)
Assicurazione sanitaria, sanità ed ambito sociale
Vendita e servizi alla vendita
Abbigliamento, calzature, equipaggiamento sportivo
Gastronomia, turismo, intrattenimento
Educazione e ricerca


La metodologia dell’indagine

Per scoprire quanto sono soddisfatti gli italiani delle aziende dove lavorano, l’istituto indipendente di ricerca tedesco Statista ha realizzato un grande sondaggio, intervistando online più di 15 mila dipendenti di imprese che danno lavoro in Italia ad almeno 250 persone. È stato considerato l'intero universo di aziende che superano questa soglia di dipendenti, una platea di oltre 2.000 società. I dipendenti sono stati consultati in maniera anonima in modo da poter esprimere apertamente il proprio parere, senza alcuna influenza dal proprio datore di lavoro. Si tratta infatti di un'indagine che non prevede alcun pagamento da parte delle imprese per partecipare al sondaggio. La domanda-chiave del sondaggio era questa: «Su una scala da 0 a 10, con quanta probabilità raccomanderebbe la sua azienda ad un conoscente o familiare?»
Si è anche domandato ai partecipanti se fossero a conoscenza di imprese che avrebbero raccomandato a conoscenti o familiari come datore di lavoro, o, al contrario, se ci sono aziende che avrebbero addirittura sconsigliato. I risultati di questi due elementi sono stati combinati per calcolare un punteggio finale per i datori di lavoro in Italia emersi nell’indagine, attribuendo un peso maggiore alla disponibilità dei partecipanti a raccomandare la propria azienda.
Agli intervistati sono state poste altre 12 domande su argomenti relativi al lavoro e in totale ogni intervista aveva una durata medie di 5-10 minuti.

Chi è Statista

Fondata nel 2007 ad Amburgo, Statista conta più di 550 dipendenti con uffici ad Amburgo, Parigi, Londra e New York. È tra i leader mondiale dei dati di mercato online con 8 milioni di visite mensili sul sito internet. Nei suoi database sono raccolti più di un milione di informazioni su 80 mila argomenti diversi che consentono di realizzare ricerche, analisi e previsioni relative a 170 settori industriali e 150 Paesi. Oltre a offrire servizi alle aziende, Statista collabora con alcuni dei più prestigiosi media mondiali per i quali crea classifiche e top list: dall’americano Forbes al britannico Financial Times, dal francese Les Echos ai tedeschi Auto Bild e Focus, solo per citarne alcuni. In Italia Statista ha scelto come partner il settimanale Panorama, edito dalla Mondadori.
Le aziende incluse nella lista interessate a utilizzare il marchio «Top 400» possono collegarsi a questo link per ottenere le informazioni necessarie.

LA CLASSIFICA DELLE 400 AZIENDE

© Riproduzione Riservata
tag:

Commenti