I dati resi noti dallo studio annuale condotto da Forbes sui marchi globali di maggior valore dimostra che, nonostante il debole andamento delle vendite nell’ultimo trimestre, Apple è ancora un brand in una categoria a sé. L’azienda di Cupertino, infatti, è valutata 154,1 miliardi di dollari, l’87% in più di Google che è seconda in classifica. E’ la sesta volta consecutiva che Apple è sul podio da quando Forbes ha varato la classifica nel 2010. Google supera Microsoft e accorcia le distanze con Apple, la valutazione del marchio, infatti, cresce del 26% e tocca 82,5 miliardi di dollari. 

In terza posizione, con 75,2 miliardi c'è Microsoft, seguito da Coca-Cola a 58,5 e da Facebook a 52,6. Quest’ultimo, con un incremento del 44%, è il marchio che cresce più velocemente nei primi cento per il secondo anno consecutivo: il numero di utenti, infatti, tocca 1,65 miliardi di persone che, in media, passano 50 minuti al giorno su Facebook e Instagram, ben oltre i 19 minuti dedicati alla lettura, i 17 spesi in esercizio e i quattro che, di solito, si dedicano a socializzare.

I cento marchio di maggior valore, selezionati in base al rendimento degli ultimi tre anni, appartengono a 16 paesi e 19 settori: 52 sono americani, 11 tedeschi, otto giapponesi e sei francesi. La tecnologia fa la parte del leone con 17 nomi di cui tre nei primi dieci posti. La finanza ne conta 13 nei primi cento, l’industria automobilistica 12, i prodotti di consumo dieci, seguiti da luxury e retail con otto ciascuno. Ibm con -17% è il marchio che perde di più. Se l’incremento medio si attesta sul 6% rispetto al 2015, il valore complessivo dei primi cento è di 1,8 trilioni di dollari. I marchi considerati, infine, hanno una forte presenza negli Stati Uniti.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti