Le 10 aziende più innovative del 2018 secondo Fast Company

Ecco da dove provengono le idee che stanno ridisegnando il nostro modo di vivere

Innovazione

Innovazione - 27 febbraio 2018 – Credits: iStock - ipopba

Stefania Medetti

-

L'edizione 2018 della classifica “World’s Most Innovative Companies" firmata da Fast Company comprende oltre 350 imprese, selezionate per la loro capacità di impattare sul business, sull’industria in cui operano e sulla societàSi tratta di realtà che operano in 36 categorie e spaziano dall’azienda di maggior valore al mondo fino a una piccola società che vende gomma naturale per proteggere le foreste pluviali. L’elenco completo è disponibile al seguente linkDi seguito, ecco le prime dieci.

10 - Nba

L’associazione americana vuole diventare un marchio globale e utilizza la tecnologia per raggiungere gli appassionati in ogni angolo di mondo che possono vedere le partite su computer, smartphone, in realtà virtuale o come videogame.

9 - Spotify

La società svedese ha contribuito a rendere legittimo il modello fremium nel settore dell’intrattenimento. Con Spotify la musica si può ascoltare gratuitamente con inserzioni pubblicitarie o senza sponsor, ma a pagamento. Con l’arrivo di Troy Carter, ex-manager di Lady Gaga, Spotify si impegna per far conoscere nuovi artisti grazie ai suoi algoritmi e al suo ricco database.

8 - The Washington Post

Dopo l’acquisizione, la testata ha assorbito la filosofia di Amazon e oggi utilizza la tecnologia per distribuire, realizzare e migliorare i propri contenuti. Ha anche un servizio di publishing proprietario che ha cominciato a vendere ad altre testate.

7 - Cvs Health

Con un network di 10mila punti vendita, la catena di farmacie americana si muove in controtendenza al mercato e ha lanciato una serie di servizi aggiuntivi come MinuteClinic, dove i pazienti possono vaccinarsi contro l’influenza o sottoposi ad alcuni test diagnostici e il Digital Innovation Lab che realizza app medicali. L’azienda, soprattutto, ha preso posizione a favore della salute dei suoi clienti, dunque non vende prodotti di protezione solare con SPF inferiore a 15 e ha bandito prodotti a base di tabacco, sostituiti con un programma proprietario per smettere di fumare.

6 - Patagonia

Il marchio di abbigliamento ha saputo far crescere contemporaneamente il proprio business e la missione sociale di salvaguardia dell’ambiente. La società, infatti, investe in organizzazioni e imprese che propongono modelli e prodotti sostenibili.

5 - Amazon

Alla società di Jeff Besoz va il merito di aver saputo costruire attraverso la tecnologia una presenza in un ambito allargato di attività, tanto che adesso è considerata il concorrente di tutti.

4 - Tencent

La app WeChat della società cinese conta 980 milioni gli utenti attivi. Gli utenti la possono usare per chiamare un taxi, leggere le recensioni di un ristorante e pagare il conto. Tencent, inoltre, opera nell’intrattenimento, offrendo videogame, libri, musica e film.

3 - Square

In una manciata di anni, la società di Jack Dorsey è diventata un player di primo piano nel settore dei pagamenti. Adesso, attraverso Square Capital fornisce prestiti ai negozianti.

2 - Netflix

Nata nel 1999, conta oggi oltre 117 milioni di clienti in 190 paesi. Da qualche anno a questa parte, non solo ha accelerato sulla creazione di contenuto proprietario, ma si è impegnata per offrire la massima personalizzazione nella fruizione, mobile e offline, dei propri prodotti.

1 - Apple

A oltre trent’anni dalla nascita, l'azienda di Cupertino continua a rivoluzionare la vita delle persone. Dopo aver contribuito alla diffusione dei personal computer, della musica in formato digitale, ha introdotto smart phone e smart watch, ultimamente, è entrata nel settore voce e in quello della salute con CareKit, una piattaforma open source che permette agli sviluppatori di aggregare i dati dei pazienti,.

Per saperne di più

- Le 10 start-up più innovative under 35

- 8 idee di business strane ma di successo


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

ITAtech, per l'innovazione italiana soldi al rallentatore

Il fondo creato nel 2016 da Cdp e Fondo europeo degli investimenti ha assegnato solo 40 milioni su 200. Ora serve un colpo di acceleratore

Joshua Dan Whitman: innovazione a portata di mano

La tua banca è sempre con te

Commenti