Economia

Auto, perché in Europa il mercato frena

A influire sono i risultati negativi a ottobre di Germania e Francia. Continua invece a volare l’Italia grazie al superammortamento

melfi_catena_montaggio

Giuseppe Cordasco

-

Dopo 36 mesi di risultati costantemente positivi, a parte una leggere flessione registrata nello scorso mese di luglio, il mercato europeo dell’auto a ottobre registra una, seppure moderata, battuta d’arresto, facendo segnare un -0,3%. Sono in effetti 3.000 le immatricolazioni perse rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Le ragioni di questa frenata sono da ricercarsi prevalentemente nei risultati, decisamente negativi, di Germania (-5,6%) e Francia (-4,0%). Tra l’altro a testimoniare lo stato di salute un po’ precario del mercato tedesco, proprio in queste ore è arrivato l’annuncio da parte della Volkswagen, alle prese con gli effetti del dieselgate, di una richiesta di tagli occupazionali per ben 23mila unità.

Auto, la classifica dei gruppi automobilistici


Segnali negativi che invece sembrano, almeno per il momento, non toccare l’Italia, dove invece il settore auto, anche a ottobre ha fatto segnare un importante +9,7%, grazie anche ad alcuni interventi di carattere fiscale, come il superammortamento, che hanno reso più conveniente l’acquisto di automobili nuove alle aziende. Tornando invece ai dati riguardati ottobre, le vetture immatricolate nel mese sono state 1.140.742, inferiori come detto alle 1.143.952 dello stesso periodo 2015. Se si considerano invece i primi 10 mesi dell’anno, i risultati sono positivi: +6,9% a 12.748.741 unità, contro le 11.920.693 immatricolazioni del periodo gennaio-ottobre dello scorso anno. I numeri evidenziano poi che dopo 10 mesi, 22 Paesi stanno crescendo più della media del mercato e tutti sono in territorio positivo, tranne Svizzera e Olanda.

Rc Auto, nuova mazzata per gli automobilisti


Dai dati dei 5 mercati più importanti, ovvero Germania, Francia, Italia, Regno Unito e Spagna, emerge, inoltre, come comune denominatore, l’utilizzo sempre più ampio delle auto aziendali anche grazie a politiche fiscali premianti, come quelle evidenziate proprio per il nostro Paese. Sulla base delle informazioni disponibili relative ai primi 9 mesi dell’anno, le auto a società rappresentano il 65% delle vendite in Germania, il 54% nel Regno Unito e il 47% in Spagna, mentre in Italia nello stesso periodo valgono il 38%.

Multe, le 10 scuse più originali degli automobilisti


“Abbiamo un chiaro segnale dai dati europei e dal nostro mercato – ha commentato Romano Valente, direttore generale dell’Unrae, l’Associazione delle case automobilistiche estere - che le politiche fiscali funzionano quando sono strutturali e per questo l’Italia sta vivendo un momento più florido per le auto a società grazie al superammortamento, pur rimanendo indietro rispetto ad altre politiche fiscali attuate dagli altri 4 mercati maggiori”. Al momento, però, per il 2017 potremmo assistere a una revisione del superammortamento al 140%, che potrebbe essere cancellato sulle auto aziendali assegnate ai dipendenti in uso promiscuo. “Resta quindi ancora poco tempo – conclude Valente lanciando un vero e proprio appello - per riconsiderare il provvedimento ed evitare di innescare una improduttiva anticipazione della domanda sul finire del 2016, con rimbalzo negativo sul 2017”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Renault richiama in fabbrica 15 mila automobili

Accusata di aver aggirato i controlli anti-inquinamento, la casa francese ricontrolla alcuni veicoli. Il numero potrà salire a 700 mila

Ddl concorrenza: le 10 novità su Rc auto, professionisti, farmacie e tanto altro

Le commissioni parlamentari competenti hanno approvato le misure che ora attendono solo il via libera di Montecitorio

Ddl concorrenza: le novità per la Rc Auto

Obbligo di sconti per chi installa la scatola nera o altri dispositivi antifrode. Ecco cosa cambia per la assicurazioni contro gli incidenti stradali

Rc auto, ecco perché in Italia i prezzi sono più alti

Le nostre polizze costano 138 euro in più della media Ue, anche a causa delle pesanti aliquote fiscali sui premi

Assicurazione, addio al tagliando cartaceo. Cosa cambia per l'automobilista

Decade l’obbligo di esporre il contrassegno RC Auto sul parabrezza. D’ora in poi i controlli avverranno attraverso la lettura elettronica della targa

Commenti