Economia

Auto diesel: quante sono quelle che in Italia rischiano lo stop alla circolazione

Sono circa 13 milioni, ossia il 12,9% dell’intero parco circolante, i veicoli Euro 3 e inferiori che potrebbero presto essere messi al bando

diesel

Giuseppe Cordasco

-

Dovrebbero iniziare a preoccuparsi davvero molto seriamente tutti gli automobilisti possessori di auto diesel con motori Euro 3 o di classi inferiori. Presto infatti, questi veicoli potrebbero essere messi definitivamente al bando, in forza di normative di carattere comunitario, che puntano a un abbattimento delle emissioni nocive.

Eppure, nonostante questo realistico allarme, e nonostante le grandi e crescenti limitazioni, che già oggi in molte Regioni ostacolano fortemente la facoltà di circolazione di diesel Euro 3 e inferiori, sarebbero ancora tantissimi i veicoli di questo tipo iscritti nei registri della motorizzazione.

Numeri preoccupanti

Infatti, secondo un’analisi realizzata dal portale Facile.it, che ha rielaborato dati ufficiali del ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, i veicoli Euro 3 e inferiori, in Italia sarebbero quasi 5 milioni (4.911.447), equivalenti al 12,9% dell’attuale parco auto private destinate al trasporto persone presente nel nostro Paese.

Lo studio ha disegnato tra l’altro la mappa delle automobili diesel presenti sul territorio e ha evidenziato anche come le Euro 3 o inferiori siano quasi un terzo (29,89%) delle auto private alimentate a gasolio ancora potenzialmente in circolazione.

Distribuzione regionale: effetto Sud

Il peso percentuale delle auto diesel Euro 3 o inferiori varia sensibilmente da Regione a Regione, con una forbice compresa tra l’8,5% e il 22%. Guardando la distribuzione territoriale rilevata dallo studio di Facile.it, emerge chiaramente come la diffusione di questo tipo di vetture sia maggiore, proporzionalmente, nelle Regioni del Sud, che occupano le prime otto posizioni della classifica nazionale.

In vetta si trovano il Molise e la Basilicata, aree dove più di 1 auto privata su 5 è un diesel Euro 3 o inferiore (rispettivamente il 21,9% e il 21,7%); segue la Calabria con una percentuale pari al 19% e la Puglia, con il 18,5%. Giù dal podio, ma con valori decisamente superiori alla media nazionale anche Sicilia (17,2%), Campania (16,7%) e Abruzzo (15,4%).

Se si analizza la distribuzione delle automobili private diesel Euro 3 o inferiori in termini assoluti, invece, è la Lombardia, con i suoi 587.515 veicoli, a guadagnare il primo posto. Seguono la Campania, con 577.087 auto di questa categoria e la Sicilia (564.591).

Un parco auto più moderno

Osservando la graduatoria nel senso opposto invece, ovvero considerando le zone del Paese che presentano un parco auto circolante più moderno, è la Valle d’Aosta a risultare prima. In quella Regione infatti solo l’8,5% delle auto private appartiene alla categoria diesel Euro 3 o inferiore; a seguire si trovano Toscana (8,7%), Friuli Venezia Giulia (9,1%) e Liguria (9,4%).

Al quinto posto si posiziona la Lombardia (9,5%), che precede solo di poco le altre due Regioni che hanno recentemente introdotto lo stop ai diesel Euro 3: l’Emilia Romagna (9,7%) e il Piemonte (10%).

Conseguenze: mercato e Rc auto

Questa marcata diffusione di vetture diesel Euro 3 e inferiori, potrà avere innanzitutto due ordini di conseguenze: da una parte, come già accennato, molti automobilisti avranno sempre più limitazioni a circolare, e presto saranno costretti a dover cambiare auto.

Dall'altro, si prospettano interessanti potenzialità per le vendite di vetture nuove, viste le necessità di forzato aggiornamento dell'attuale parco circolante. Ma ci sono altre brutte notizie per i possessori di diesel Euro 3 e inferiori.

Anche da un punto di vista assicurativo infatti, questi veicoli non sono convenienti rispetto agli Euro 6. Facile.it ha verificato le differenze nelle tariffe Rc auto prendendo in considerazione due modelli uguali ed evidenziando come il prezzo migliore disponibile per assicurare l’auto più inquinante risulti superiore di oltre il 10% rispetto a quella con emissioni minori: 277,81 euro per il diesel Euro 3 contro i 248,88 euro necessari per il veicolo Euro 6.

Insomma, un motivo in più che potrà spingere qualche automobilista ad affrettare il cambio della propria vecchia automobile diesel. Staremo a vedere.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Dieselgate: nella Ue controlli più severi sulle emissioni

Bruxelles potrà effettuare test indipendenti nei vari Paesi, ordinare richiami di vetture non a norma e infliggere multe fino a 30mila euro per veicolo

Dieselgate, il tribunale di Parigi apre un'inchiesta su Renault

Anche i test sulle emissioni delle auto a gasolio del gruppo francese avrebbero dato risultati "particolarmente controversi"

Dieselgate Fca e Volkswagen: le differenze

Per un verso l’azienda di Marchionne rischia una multa più contenuta, dall’altro viene colpita l’immagine della società nel suo mercato principale

Volkswagen: è accordo sui rimborsi per il Dieselgate

Fca e dieselgate, quello che c’è da sapere sul nuovo scandalo delle emissioni

Le prime conseguenze si fanno già sentire con il titolo che perde in Borsa e i media tedeschi che invitano a non comprare auto del Lingotto

Renault, il dieselgate e il crollo del settore auto

La casa francese è sospettata di frodi sulle emissioni dei motori. Bufera anche su Fca, accusata di gonfiare le vendite di alcuni concessionari

Commenti