Economia

Agenzia Entrate e Pace fiscale: 31 luglio dead-line per Saldo e Stralcio e Rottamazione ter

Con la terza tranche di agevolazioni per chi voglia tornare in regola con le cartelle esattoriali lo Stato incasserebbe 21 miliardi

Agenzia_Entrate

Barbara Massaro

-

Mercoledì 31 luglio è il termine ultimo per presentare istanza all'Agenzia delle Entrate delle agevolazioni fiscali previste dalla legge per sanare la propria posizione debitoria col Fisco.

La cosiddetta pace fiscale (rottamazione ter e saldo e stralcio) sarebbe dovuta terminare il 30 aprile, ma visto il successo dell'iniziativa tramite il Dl 34/2019 l'esecutivo ha proposto di prorogare i termini di tre mesi.

Tutti i numeri della pace fiscale

Già a fine aprile i numeri dell'adesione erano da record e, durante un'audizione in Commissione Finanza a Palazzo Madama il direttore dell'Agenzia delle Entrate Antonino Maggiore aveva spiegato che erano già state rottamate 12,9 milioni di cartelle per un controvalore pari a circa 38,2 miliardi di euro.

"Il numero - di scriveva nel testo letto da Maggiore - si presenta in crescita rispetto alla prima edizione della definizione agevolata, dove le cartelle oggetto delle richieste erano state circa 9,5 milioni per un valore di circa 27,7 miliardi di euro, nonché rispetto alla seconda edizione che aveva riguardato circa 4,5 milioni di cartelle per un valore di circa 13,9 miliardi di euro".

Nello specifico il saldo e stralcio - misura riferita ai contribuenti in forte difficoltà economica - riguarda circa 3,5 milioni di domande presentate per un valore complessivo delle cartelle esattoriali pari a quasi 8,7 miliardi di euro, già al netto delle somme aggiuntive e degli interessi di mora eventualmente maturati dopo la trasmissione dei carichi. 

Le domande, invece, di rottamazione riguardano 9,4 milioni di cartelle per un valore complessivo di 29,5 miliardi di euro

La regione da cui sono arrivate più istanze è il Lazio con 271.797 domande, seguita dalla Campania con 235.357 richieste. Sul gradino più basso del podio si colloca la Lombardia con 226.421 istanze.

La dead line del 31 luglio

A conti fatti la rottamazione ter potrebbe portare nelle casse dello Stato un bottino da 21 miliardi di euro.

Il 31 luglio, dunque, coloro che hanno presentato domanda entro il 30 aprile dovranno pagare la prima rata del debito mentre scadono i termini per presentare nuove istanze.

Il sito dell'Agenzia delle Entrate spiega che per accedere alla rottamazione e al saldo-stralcio occorre compilare gli appositi modelli e cioè il DA-2018-R e il modello SA-ST-R, entrambi reperibili sul sito dell'Agenzia e presentarli direttamente allo sportello o a mezzo Pec.

Per il pagamento si può scegliere di saldare l'intero importo entro il 30 novembre 2019 oppure optare per il versamento rateale fino a un massimo di 17 rate e con interessi al 2%.

Lo Stato concede una tolleranza di 5 giorni di ritardo per il versamento della quota scaduti i quali vengono a decadere i benefici della pace fiscale e il contribuente si vedrà costretto a saldare tutto e subito pena il fermo amministrativo del veicolo, la messa in mora della posizione debitoria o l'apertura di un'istanza ipotecaria su casa e locali per arrivare all'espropriazione degli immobili.

Visto il successo anche di questa terza tranche è possibile che l'esecutivo proponga di aprirne immediatamente una quarta così da continuare a spingere coloro che hanno ancora oggi posizioni in sospeso col Fisco a tornare a dormire sonni sereni.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pace fiscale: si riaprono i termini per le istanze

C'è tempo fino al 31 luglio per presentare domanda di rottamazione delle cartelle e saldo e stralcio

Pace fiscale: come chiedere il "saldo e stralcio"

La scadenza è fissata per il 30 aprile e sono un milione le domande presentate per aver diritto allo sconto sui debiti col fisco

Pace fiscale: ecco come funziona la prima sanatoria

Da oggi sarà possibile pagare per aderire al condono che riguarda accertamenti non ancora perfezionati alla data del 24 ottobre

Pace fiscale, esclusi gli evasori: ecco perché sarà un flop

Al momento la bozza di decreto prevede che il nuovo condono sia solo per chi ha dichiarato tutto al fisco, ma poi non ha potuto pagare

Pace fiscale: ecco perché si tratterebbe di un classico condono

Tecnicamente, quando un Paese cancella i debiti di un contribuente con il fisco, si tratta di sanatoria, a maggior ragione se vale per tutti

Commenti