Economia

Affare CR7-Juventus, perché gli operai di Fca minacciano lo sciopero

I lavoratori criticano la strategia di Exor, che favorirebbe gli investimenti di una squadra di calcio, a discapito di quelli nel settore automotive

Cristiano Ronaldo_CR7

Giuseppe Cordasco

-

Potrebbe avere risvolti extra-calcistici decisamente preoccupanti quello che è stato definito l’affare del secolo, ovvero il passaggio del calciatore Cristiano Ronaldo, meglio noto al grande pubblico degli appassionati come CR7, dal Real Madrid, sua attuale squadra, alla Juventus, per una cifra intorno ai 100 milioni di euro, a cui vanno aggiunti i 30 milioni netti all’anno che per quattro anni finiranno nelle tasche del fuoriclasse portoghese.

Ai dipendenti di Fca, e in particolare a quelli dello stabilimento di Melfi infatti, sembra non vada proprio giù l’idea che per questa operazione si spendano tutti questi soldi, mentre gli investimenti per il settore automotive sembrano latitare in maniera ormai preoccupante.

Una protesta che potrebbe concretizzarsi con due giornate di sciopero, alle quali potrebbero addirittura aderire anche altri siti produttivi italiani di Fca. Ma che cosa c’entra la Juventus con Fca e perché i lavoratori di quest’ultima credono che l’operazione di acquisizione del campione portoghese sia così contestabile?

Il cappello di Exor

A tenere insieme i destini di Juventus ed Fca ci pensa ovviamente il cappello di Exor, ovvero la holding di famiglia Agnelli che detiene partecipazioni significative tanto nel gruppo automobilistico italo-americano tanto la pluriscudettata squadra di Torino.

Il ragionamento che fanno dunque dalle parti di Melfi gli operai di Fca, è che chi gestisce gli interessi congiunti delle due imprese, abbia deciso di prediligere quelli di una squadra di calcio a tutto svantaggio del settore automotive.

I motivi della protesta

Questa considerazione, fatta propria da alcuni sindacalisti e che potrebbe come detto portare anche ad uno sciopero di tutti i lavoratori, nasce da alcuni dati di fatto inoppugnabili.

Innanzitutto da anni ormai, gli operai dei siti Fca, e non solo quelli di Melfi, si lamentano per stipendi ritenuti bassi, senza contare che spesso ad essere contestati sono anche i contratti collettivi che stabiliscono turni di lavoro giudicati a volte sfiancanti.

Ma il vero nesso con la vicenda CR7 è quello degli investimenti. Proprio nello stabilimento di Melfi infatti, andrà presto ad esaurirsi la produzione della Punto, e al momento Fca non ha ancora deciso con quale nuovo modello sostituirla.

Questo significa che gli attuali dipendenti dovranno spalmare il proprio lavoro sulla produzione di soli due modelli, 500X e Jeep Renegade. La conseguenza più immediata è che l’azienda ha già annunciato circa 1.600 esuberi, e a tutti i lavoratori del sito lucano sarà applicato un regime di solidarietà con stipendi ridotti all’80%.

Scelte strategiche

Dietro questo atteggiamento, per qualche osservatore critico, sembrerebbe concretizzarsi l’intenzione della Exor, e dunque della famiglia Agnelli, di diversificare in maniera sempre più accurata il proprio impegno economico.

Una diversificazione per la quale a pagare potrebbe essere proprio l’automotive, settore nel quale si investirà in maniera sempre più selettiva. A questo proposito, nella presentazione dell’ultimo piano strategico, è vero che Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fca, ha annunciato investimenti per circa 3 miliardi, ma lo ha fatto senza specificare nessun obiettivo preciso.

Inoltre, a confermare la nuova strategia di casa Exor, c’è l’affare concluso nel 2016 che ha portato all’acquisizione per circa 7 miliardi di dollari di PartnerRe, uno dei più importanti gruppi riassicurativi internazionali.

Dunque uno scenario all’interno del quale, l’affare CR7-Juventus giunge come una sorta di conferma di un trend di diversificazione finanziaria già definito e avviato. E forse allora, i lavoratori di Fca hanno davvero di che preoccuparsi, visto che l’auotomotive potrebbe diventare effettivamente sempre più marginale negli interessi di Exor. Staremo a vedere.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Tre buoni motivi per dire sì al super-matrimonio tra Fca e Hyundai

Poca sovrapposizione geografica, marchi complementari e la possibilità per gli Agnelli di alleggerire la presenza nel settore auto

Sergio Marchionne: il totonomine sull'erede e le grandi manovre in Fca

Nonostante i rinvii si avvicina la data in cui il manager in pullover dovrà lasciare la superpoltrona. Vorrebbe essere lui a indicare il successore e lo stesso vorrebbe fare John Elkann. Ecco cosa succede nella casa automobilistica fondata dagli Agnelli ma ormai italo-americana, in vista della presentazione del piano industriale 2018-2022

Fca, perché Marchionne pensa a un futuro senza Fiat in Italia

Le produzioni di massa andranno in Polonia, dove il costo del lavoro è inferiore. Nel nostro Paese resterebbero i brand dell'alto di gamma

Fca, chi sarà il successore di Marchionne

Altavilla, Manley, Palmer e Gorlier. Quattro manager potrebbero prendere il timone del gruppo automobilistico e raccogliere un eredità difficile

Fca, perché Marchionne guadagna così tanto

Il manager ha incassato oltre 9 milioni di euro solo nel 2017. Ma i compensi sono legati anche ai risultati raggiunti

Fca, perché Marchionne torna a investire negli Usa

Pronto un miliardo di dollari per un nuovo stabilimento nel Michigan e 2mila dollari di bonus ai dipendenti: il tutto grazie alla riforma fiscale di Trump

Stabilimento di Melfi: primo giorno di lavoro - Le foto

Per trecento nuovi lavoratori, assunti con contratto interinale, si sono aperti stamattina alle 8 i cancelli dello stabilimento di Fca

Così Fca a Melfi crea 1.500 nuovi posti di lavoro

I numeri e le modalità del piano di Sergio Marchionne che da Detroit annuncia la ripresa per gli stabilimenti italiani

Commenti