Dating online
Thinkstock
Dating online
ARTICOLI FREEMIUM

Videochiamate e supermercato; cambiano le dating app con la pandemia

L'isolamento forzato favorisce la ricerca dell'amore invece del sesso e con le app per gli incontri nascono coppie che mettono su famiglia, come l'esempio che vi raccontiamo

Non ci sono prede sfuggite alla crisi provocata dalla pandemia, che ha mietuto vittime in tutto il mondo e messo a dura prova l'umore di famiglie e coppie costrette al prolungato isolamento casalingo. Chi ha pagato dazio, in questo senso, sono anche e soprattutto i single, impossibilitati nel poter fare ciò che più desideravano, fare nuove conoscenze e allargare gli orizzonti con la speranza di incontrare la dolce metà. A far sbollire rabbia e preoccupazione, talvolta sfociate in depressione, sono state in parte anche le app di dating, anche se le restrizioni in atto hanno cambiato in modo radicale l'ultimo step, quello dell'incontro faccia a faccia.

Meetic


Con la cena al lume di candela e l'aperitivo impossibili da praticare, il romanticismo si è diffuso per le strade, con passeggiate all'aria aperta tra parchi e luoghi simbolo delle città tra volti felici ma tesi dall'incontro nascosti dietro le rispettive mascherine. Se più di un terzo (35%) ha optato per una camminata per rompere il ghiaccio, secondo un sondaggio di Meetic dello scorso febbraio che ha coinvolto 2.125 single italiani, oltre al telefono e all'invito a casa, la difficoltà per gli spostamenti ha generato l'impennata del ricorso alla videochiamata (18%), mentre tra concittadini si è unito l'utile al dilettevole con l'insolito appuntamento tra le corsie del supermercato (12%).

Le complicazioni per approcciarsi al partner, tuttavia, hanno consentito ai single di lavorare su se stessi, cioè riflettere su desideri e aspirazioni, anche per chiarire le idee su cosa è più mancato durante questi lunghi 14 mesi: alle nuove conoscenze si è affiancata l'assenza di vita culturale e l'impossibilità di frequentare gli amici, con la rinuncia al sesso in quarta posizione e pesata quasi per un single su quattro. Un risvolto collegato a quest'ultimo dato, forse, è la ricerca e volontà di vivere una relazione amorosa autentica, priorità percepita da quasi due anime libere su tre. Una sensazione in crescita (65%) rispetto alla vita prima del Covid (51%), quando la testa era più leggera e meno riflessiva.

Un aspetto, questo, che ha contribuito a un maggior utilizzo delle app di dating, considerato una buona opportunità per incontrare nuove persone e stabilire rapporti sociali a distanza. Anche perché all'interno delle stesse applicazioni sono arrivate nuove funzionalità, come la videochiamata, che rappresenta un passo successivo e più completo in attesa dell'eventuale faccia a faccia rispetto allo scambio di testi, audio e clip via chat. E può in certi casi disegnare scenari sorprendenti e inattesi, come cucinare insieme a distanza mentre si chiacchiera online e l'occhio sbircia l'abilità altrui ai fornelli.

Nel vortice di incertezze con cui stiamo facendo i conti da oltre un anno, tuttavia, c'è anche chi grazie agli incontri online è riuscito a trovare l'anima gemella e iniziare una storia d'amore che è sopravvissuta a un anno che ricorderemo anche per le privazioni (oltre che per le tante vittime, purtroppo). Un esempio benaugurante per chi è sogna di incrociare l'altra metà della mela è l'incontro tra Alessandro e Ornella, avvenuto durante il lockdown e trasformato in un nido d'amore nella Capitale. La scintilla scoccata su Meetic tra l'immediata infatuazione, messaggi, lunghe chat e telefonate ha dovuto superare la distanza e la quarantena, per poi iniziare a mettere radici. Come ci racconta Alessandro.

Qual è stata la molla per cercare l'amore online?

"Levando l'ovvia necessità di trovare una compagna dopo una brutta e lunga storia finita male, la scelta di cercarla online è giustificata da diversi motivi. In primis il fatto che personalmente non sono amante di discoteche e locali vari. Lavoro come informatico e sono maestro di arti marziali... va da se che la possibilità e la voglia di uscire è notevolmente ridotta. Parallelamente a questo c'è da aggiungere che prediligo poter parlare ed esprimermi senza essere vincolato dall'approccio fisico, potendo cosi comprendere al meglio quali siano i pensieri del mio interlocutore e capire se esiste un vero interesse e affinità con il mio carattere".

Come è scatta la scintilla?

"Beh con Ornella possiamo parlare di più scintille a essere sinceri. La prima è stata nel momento in cui ho visto la sua foto. I suoi occhi mi hanno totalmente incantato. Dopo un primo momento di smarrimento sono riuscito ad allargare il mio punto di vista e sono rimasto affascinato dal suo sorriso e dalla sua allegria. Qui, poco dopo, sono tornato con piedi per terra... Una donna cosi non mi avrebbe nemmeno visto. Ma per pura curiosità ho voluto leggere il profilo. E li ho trovato tutto quello che di fatto cercavo in una donna: voglia di costruire, di stabilità, di mettere su famiglia e di crescere insieme. Fino a quel momento avevo scartato veramente tanti, ma tanti profili, anche semplicemente per frasi tipo "mi piace andare a ballare ogni sabato sera" oppure "adoro stare al mare ferma a prendere il sole". Ornella invece era diversa, già dal profilo lo avevo intuito, ma solo dopo, conoscendola, ne ho avuto davvero conferma. Tra me e me ho pensato "beh cosa mi costa provare" e cosi le ho scritto, tutto è iniziato cosi, il giorno del suo compleanno!".

Avevi già utilizzato app di dating prima del fatidico incontro?

"Sì in passato avevo già usato Meetic e con buoni risultati, ma ovviamente molti anni fa avevo un carattere diverso e obiettivi diversi. A prescindere da questo, è stata comunque un ottima esperienza sociale, dove ho appreso al meglio come relazionarmi con diversi tipi di caratteri e persone".

Cosa senti di consigliare a chi sogna di trovare l'amore tramite siti e applicazioni?

"Sinceramente posso dire unicamente una cosa: basta con questo stereotipo che se hai trovato qualcuno online o sei uno sfigato o chissà che tipo di persona troverai dall'altra parte. Utilizzare un servizio di dating non vuol dire essere un poco di buono, perché si possono incontrare persone come noi, in cerca di una storia vera, che non hanno la voglia o la possibilità di poter uscire e cercare nei locali o chissà dove. Certo, ci sono anche molte altre persone che cercano solo una notte di divertimento, ma sta a noi capire e decidere cosa vogliamo. Il mondo del dating è un'enorme community di single e come tale, è composta da tante tipologie di persone. Quindi provate l'esperienza se ne avete bisogno, magari ci metterete un po' a incontrare la persona giusta, magari dovrete parlare con tante altre persone prima, ma non disperate".


Ti potrebbe piacere anche

I più letti