Le vignette buone di Altan, Forattini & Co. su San Francesco

La satira non offensiva di dieci disegnatori italiani nella rivista della comunità francescana

La vignetta di Ellekappa

La vignetta di Ellekappa per la rivista San Francesco – Credits: Su gentile concessione di rivista San Francesco

Simona Santoni

-

Il 7 gennaio 2015 a Parigi la redazione di Charlie Hebdo era vittima di un attacco terroristico. A un mese da quell'evento scioccante, che ha mosso tante riflessioni sulla libertà di stampa e sul ruolo della satira, la rivista San Francesco ha scelto di pubblicare nel numero di febbraio i disegni di dieci famosi vignettisti italiani sul Santo di Assisi e Papa Francesco.

Altan, Benny, Biani, Ellekappa, Forattini, Giannelli, Marassi, Pellegrini, Staino e Vignazia hanno risposto all'invito consegnando illustrazioni che fanno sorridere e che accompagnano la lettura del mensile, emanazione della comunità francescana del Sacro Convento di Assisi. Sfogliando il giornale, nella vignetta di Vignazia vediamo quindi Frate Francesco intervistato da un reporter: "È difficile farsi capire dagli animali?". Il santo umbro risponde: "No, molto più facile che farsi capire dai politici!".

 

"Sorridere è uno dei doni più belli a disposizione dell'uomo", ha sottolineato il direttore del mensile, padre Enzo Fortunato. Certo, "il sorriso può essere anche beffardo e malvagio. Bisogna imparare a sorridere, leggermente, lievemente, dolcemente, per apparire subito amabili, favorevoli, sereni, per ispirare letizia". 

Ellekappa in una sua vignetta cita il "forte messaggio di Francesco al mondo contro guerra, violenza, arroganza, avidità"... "tuttora salvato con cura in posta indesiderata". 

I disegni, ha osservato padre Fortunato, sono "segni semplici, capaci di arrivare in tutti i cuori. Se il mondo di oggi ci appare cupo, di fronte a questi segni-disegni proviamo tutti a scambiarci un sorriso come segno di pace. Proprio seguendo l'invito di Papa Francesco a 'non offendere la religione' abbiamo pensato di proporre, sul nostro mensile, della buona ironia, della buona satira".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Papa Francesco su Charlie Hebdo: chi insulta la fede "si aspetti un pugno"

Intervistato in aereo, Bergoglio condanna i terroristi ma chiede di rispettare tutte le fedi: "Non provocare. Nella libertà di espressione ci sono limiti"

Charlie Hebdo, Il Vernacoliere: "Dialogheremo con l'Isis"

Il direttore del mensile satirico toscano annuncia un'edizione straordinaria: a colpi di vignette verso i terroristi

Je suis Charlie? La satira riflette (e ride) su se stessa in un pamphlet

Da Vergassola a Staino, riflessioni sul "dopo Charlie Hebdo". Perché la satira non è eroica, è "stupida e cattiva". E non si uccidono gli stupidi

Commenti