"Storie in modo quasi classico" di Harold Brodkey
"Storie in modo quasi classico" di Harold Brodkey
Cultura

"Storie in modo quasi classico" di Harold Brodkey

In un libro i racconti del "Proust americano", che naviga fra il male più sconcio e lo humour ebraico

"Che effetto pensi che mi faccia vederti fare ginnastica nella tua stanza, quando io devo morire?". Io risposi: "Non lo so, ti dà molto fastidio?". Il tono è quello del giovane ribaldo Brodkey, personaggio autobiografico del racconto che dà il titolo al libro. Qui la madre adottiva, strapazzata dal cancro, accumula odio e sputa brandelli della sua realtà piagata contro quel suo ragazzo "acquistato" da una famiglia ebrea. I due si scorticano con le unghie aguzze, eppure sono dipendenti l’uno dall’altro, in una perenne sindrome di Stoccolma.
Perché leggerlo
"Il Proust americano": così Harold Bloom definì Brodkey, autore raffinato che naviga fra il male più sconcio e lo humour ebraico. Quasi dimenticati per vent’anni, ora i suoi racconti dilaganti sono una sorta di tsunami ipnotico, eppure numinoso.

Storie in modo quasi classico di Harold Brodkey
(Fandango libri, 864 pagine, 29,50 euro)

Leggi Panorama on line

Ti potrebbe piacere anche

I più letti