Edoardo Frittoli

-

Quando nel 1914 era scoppiata la guerra in Europa il Presidente americano Woodrow Wilson garantì la neutralità del suo Paese, favorito da larga parte dell'opinione pubblica. Tuttavia rimasero gli strettissimi legami politico-economici con la ex-madrepatria, la Gran Bretagna, impegnata nel conflitto contro gli Imperi Centrali.

Con il blocco tedesco al naviglio britannico, la tensione tra Washington e la Germania montò progressivamente. Molte furono le navi mercantili americane affondate dalle mine tedesche, specie quando nel febbraio 1915 la Germania annunciò la guerra totale contro qualunque imbarcazione si fosse addentrata nelle acque territoriali britanniche.

La crisi ebbe una determinante escalation quando la Kriegsmarine anunciò di avere affondato una nave di linea battente bandiera Usa, il William P. Frye. Wilson era furente, l'opinione pubblica cominciava a fare pressione per una punizione dei responsabili. Ma il peggio, sui mari in guerra, doveva ancora venire. Il 7 maggio 1915 fu affondato il transatlantico britannico SS "Lusitania" in quanto l'imbarcazione trasportava segretamente armi e munizioni in stiva. I morti americani furono 128, oltre il 10% delle vittime dell'affondamento. Nonostante le promesse tedesche riguardo il naviglio di linea e la sicurezza dei civili, nel novembre successivo fu affondata la nave passeggeri italiana SS "Ancona" dove su 272 vittime, 27 erano cittadini statunitensi.

La misura fu colma all'inizio del 1917 quando la Germania annunciò nuovamente l'attacco incondizionato a tutte le imbarcazioni nelle acque in guerra. Il 21 febbraio 1917 la nave passeggeri americana SS "Housatonic" fu affondata dal siluro di un U-boot della Kriegsmarine. Il giorno successivo Wilson di fronte al congresso ottenne la maggioranza dei voti che fece passare l'atto di finanziamento della spesa militare in vista dell'ingresso degli Stati Uniti nel conflitto mondiale.
Il 6 aprile 1917 il Presidente dichiarava formalmente guerra alla Germania. Il primo contingente militare americano metterà piede in Europa il 26 giugno 1917.

© Riproduzione Riservata

Commenti