Agosto 1914, scoppia la prima guerra mondiale

Il 1° agosto 1914 la Germania dichiara guerra alla Russia. Poi tocca alla Francia e alla Gran Bretagna. Storia per immagini della caduta all'inferno dell'Europa

Edoardo Frittoli

-
 

È passato poco più di un mese dall'assassinio dell'Arciduca Francesco Ferdinando a Sarajevo (28 giugno).
Pochi giorni dall'ultimatum austriaco alla Serbia (23 luglio) e dalla dichiarazione di guerra al riottoso paese slavo a sud dell'impero, firmata da Francesco Giuseppe ("Ai miei popoli..." cominciava l'appello dell'imperatore ai sudditi appeso nelle piazze e nelle stazioni e in tutti i luoghi pubblici della duplice monarchia).

Dopo la dichiarazione austriaca alla Serbia, l'Europa precipita nel baratro. La diffidenza e la paura reciproca , l'incapacità di valutare appieno le conseguenze delle decisioni , le previsioni sbagliate sulle reazioni degli avversari, la forza delle ragioni militari congiurano nel provocare la catastrofe del XX secolo, quella dalla quale scaturiranno tutte le successive tragedie. Poco più di quattro anni di guerra per dieci (10) milioni di morti.

Dal 28 luglio diventa una corsa alle mobilitazioni generali e alle dichiarazioni di guerra.

Comincia la Russia il 30 alle sei di sera con la mobilitazione generale. Il primo agosto la Germania dichiara guerra alla Russia, poi alla Francia (3 agosto). 
Il primo a muoversi è l'esercito del Kaiser Guglielmo II che, con una mossa strategica da blitzkrieg, invade il Belgio (1-4 agosto) sulla via della Francia. Questo atto di forza spinge l’ingresso in guerra della Gran Bretagna contro la Germania. La Turchia, timorosa della Russia e legata alla Germania, avrebbe deciso la chiusura  alla navigazione commerciale degli stretti tanto ambiti dalla Russia, il 29 settembre per entrare ufficialmente in guerra il 12 novembre a fianco degli Imperi centrali.

:.. LA PRIMA GUERRA MONDIALE, 100 ANNI

© Riproduzione Riservata

Commenti