Cultura

È morto lo scrittore Sebastiano Vassalli - Foto

Aveva 73 anni. Vinse il Premio Strega nel 1990 con il romanzo storico "La Chimera", storia di streghe, risaie e contadini che guardano al Monte Rosa

È morto nella notte all'ospedale di Casale Monferrato, dove era stato ricoverato per l'aggravarsi delle sue condizioni, lo scrittore Sebastiano Vassalli. Aveva 73 anni ed era malato da tempo. Vincitore dei maggiori premi letterari italiani, tra cui lo Strega e il Campiello, ha scritto per i più importanti quotidiani italiani. 

Sebastiano Vassalli era nato a Genova il 24 ottobre del 1941 ma ha vissuto quasi la sua intera esistenza nelle campagne della pianura novarese, a Biandrate. Figlio di madre toscana e di padre lombardo, si era laureato a Milano con Cesare Musatti. Dopo un periodo di insegnamento, la via della letteratura.

Ha esordito alla fine degli anni '60 nell'ambito della neoavanguardia per poi distaccarsene all'inizio degli anni '80 con libri come Abitare il vento (1980) e Mareblù (1982). La svolta narrativa più decisa avviene nell'84 con il romanzo La notte della cometa, che ricostruisce la vita del poeta "matto" Dino Campana. Nel 1985 con Sangue e suolo cesella un'inchiesta sulle minoranze italiane in Sud Tirolo. Seguono: L'alcova elettrica (1985) sulla società letteraria negli anni del futurismo e L'oro del mondo (1987) sull'Italia del Dopoguerra. 

La Chimera è il libro che nel 1990 lo ha portato al successo, facendogli conquistare lo Strega e il Campiello. Romanzo storico ambientato nel 1628, è la storia di un processo (vero) a una strega nella Milano dei Promessi Sposi. La Chimera altro non è che il Monte Rosa agli occhi dei contadini che, tormentati dall'afa e chini sulle risaie, alzavano gli occhi verso l'orizzonte e vedevano, lontano, il massiccio della montagna innevata.

Tra i suoi libri segnaliamo anche Marco e Mattio, Cuore di Pietra, Un infinito numero. Vassalli ha vissuto una quotidianitù austera e appartata, come un monaco laico. La sua ricerca letteraria ha scavato nelle radici di un passato che portasse luce sull'inquietudine del presente.

Lo scorso maggio ha ricevuto dall'Accademia del Nobel la candidatura al premio 2015 per la Letteratura. 

Ti potrebbe piacere anche