Libri

Virginia Woolf e Vita Sackville-West, il loro amore al cinema

'Vita e Virginia' è il titolo del film diretto da Chanya Button che racconterà il rapporto tra le due scrittrici inglesi

vita-sackville-west-e-virginia-woolf

Andrea Bressa

-

Non ci sono ancora dettagli su cast e data di uscita, ma è certo che vedremo presto sul grande schermo Vita e Virginia, film diretto da Chanya Button (Burn Burn Burn, 2015), adattamento cinematografico dell'omonimo testo teatrale di Eileen Atkins, che racconta la storia di amore e amicizia tra due importanti esponenti della letteratura inglese, Virginia Woolf e Vita Sackville-West.

Le due scrittrici, entrambe sposate, ebbero una relazione di una decina d'anni iniziata nel 1922, dopo la quale rimasero comunque in ottimi rapporti di amicizia. Virginia Woolf dedicò il suo romanzo Orlando (1928) proprio alla sua amante: un omaggio talmente sentito che Nigel Nicholson, figlio della Sackville-West, lo ha definito come la più lunga e affascinante lettera d'amore nella storia della letteratura.

L'opera nasce da un'idea della Atkins, che ha scritto la sua sceneggiatura nel 2000. Un punto di vista inedito, che restituisce aspetti della vita amorosa della Woolf noti ma spesso tenuti da parte. In scena vedremo quindi molto probabilmente una Virginia Woolf decisamente diversa da quella interpretata da Nicole Kidman nel film del 2002 The Hours (di Stephen Daldry con Meryl Streep e Julianne Moore), al quale la Atkins ha anche partecipato recitando una parte minore. Quella pellicola, infatti, aveva deluso l'attrice e sceneggiatrice britannica, convinta che non rendesse davvero giustizia al carattere multisfaccettato e profondo della Woolf, ritraendola solo nei suoi lati più depressi. Una lacuna che la Atkins ha inteso colmare proprio attraverso la sceneggiatura di Vita e Virginia.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

5 libri da leggere a luglio

Krzysztof Charamsa, Andrea Tarabbia, Silvio Ciappi, Roberto Andò e Toni Bruno: i nostri consigli di lettura tra le uscite più recenti e interessanti

George Orwell e la recensione del ‘Mein Kampf’

In un articolo del 1940 l’autore di ‘1984’ parlava dell’autobiografia di Hitler, arrivando a prevedere la tragedia imminente 

William Shakespeare era più sadico di George R.R. Martin

Il Bardo batte l’autore di 'Game Of Thrones'. Ecco tutte le morti violente presenti nelle sue opere, divise per tipologia in un grafico

Commenti