Libri

'Ventimila leghe sotto i mari' torna al cinema con Bryan Singer

Il regista di 'X-Men' e 'I soliti sospetti' porterà sul grande schermo il capolavoro che Jules Verne pubblicò nel 1870

ventimila-leghe-sotto-i-mari

Andrea Bressa

-

La notizia è ufficiale. Bryan Singer sta lavorando alla trasposizione cinematografica di Ventimila leghe sotto i mari, uno dei più amati e indimenticabili classici della letteratura firmato da Jules Verne.

Il regista di X-Men e I soliti sospetti ha annunciato il suo progetto attraverso un post su Instagram, accompagnato da una foto che ritrae la copertina della bozza della sceneggiatura. Non ci sono altri dettagli, né sulla data di uscita e nemmeno su chi siano gli attori che impersoneranno il capitano Nemo, il professore Pierre Aronnax, il suo assistente Conseil e il fiociniere Ned Land.

Il film di Bryan Singer sarà la quinta trasposizione in pellicola del capolavoro di Verne, già comparso sul grande schermo nel 1905, 1907, 1916 e nella più famosa versione del 1954, vincitrice di due premi Oscar, firmata da Richard Fleischer e interpretata da James Mason e Kirk Douglas.

In attesa che si conoscano ulteriori particolari, potrebbe essere il momento giusto per rileggere l’opera originale e l’intera saga a cui appartiene. Ventimila leghe sotto i mari, uscito nel 1870 con l’editore francese Pierre-Jules Hetzel, rappresenta infatti il secondo capitolo di una trilogia di romanzi aperta nel 1867 con I figli del capitano Grant e conclusa nel 1874 con L’isola misteriosa.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Emilio Salgari intramontabile

Un libro come ‘I corsari delle Bermude’ è ancora uno dei migliori strumenti per iniziare ad amare la lettura. Anche a oltre un secolo di distanza

Milani e Nidasio: 'Il dottor Oss' a fumetti - da Jules Verne allo steampunk

Le avventure di un affascinante scienziato tra macchine fantastiche ed esperimenti improbabili

Ecco la voce registrata di Lev Tolstoj

Ai primi del Novecento il grande autore russo realizzò alcune registrazioni grazie a un fonografo donato da Thomas Edison in persona

Commenti