Libri

Universal: una guida al cosmo

La storia dell'universo letta attraverso la fisica: dal peso della terra alla distanza delle galassie, quando delle equazioni rispondono a straordinari misteri

Universal di Cox e Forshaw

Matilde Quarti

-

Brian Cox e Jeff Forshaw sono innamorati pazzi della scienza e, in particolare, della fisica. Universal (Hoepli, 2017) è il testo a quattro mani dove, a suon di formule che esortano il lettore a replicare, raccontano la storia del cosmo, dal big bang all’energia oscura, dalla nascita della vita alla conformazione del nostro pianeta e del nostro universo.

Dal particolare all’universale

Dall’infinitamente piccolo all’infinitamente grande: 13,8 miliardi di anni fa il nostro universo, o meglio, la materia che lo forma, era compressa in un plasma densissimo, più denso di quanto il nostro pensiero ci consenta di immaginare, e rovente. Da qui il Big Bang e l’espansione, rapidissima, la formazione attraverso diversi stati fisici del cosmo, quello che conosciamo e che si sta ancora inesorabilmente espandendo.

Gli autori, però, non ci parlano a lungo di questo universo appena nato. Lo lasciano invecchiare di qualche miliardo di anni per tornarci qualche capitolo dopo: tutta la prima parte del libro è dedicata a qualcosa di molto più vicino, che ci è indispensabile conoscere prima di alzare gli occhi al cielo. Il nostro pianeta, infatti, racchiude in sé una parte di questa incredibile storia cosmica. Scomodando Newton possiamo scoprire quanto pesa il pianeta e, studiando la conformazione dei continenti e degli oceani, possiamo cominciare ad avere una prima idea dell’età delle cose, della Terra, certo, ma anche del Sole.

Galassie ed equazioni

Universal, insomma, non è una storia manualistica dello spazio, entra nel cuore delle cose, dei procedimenti che stanno alla base degli studi scientifici che hanno permesso, in particolare nell’ultimo secolo, di fare balzi da giganti nello studio del cosmo. Dietro ogni domanda c’è un’equazione, una funzione, un insieme di formule capaci di dare la risposta a lungo cercata. Dal calcolo della distanza tra le galassie alla gravità di Einstein, per arrivare alla scoperta che ha condotto a un nuovo, incredibile, mistero: la materia oscura e l’energia oscura.

Quello di Cox e Forshow è un libro di astrofisica, zeppo di formule e di equazioni. Sono spiegate nel dettaglio, certo, ma il lettore ha bisogno di un pizzico di attitudine ai calcoli e di conoscenza della materia per non restare completamente spiazzato e, soprattutto, capire i ragionamenti oltre a darli per assodati. Non ci troviamo dunque davanti a un saggio meramente divulgativo, una spiegazione per principianti dei complessi meccanismi che regolano l’universo, ma davanti a un testo che vuole entrare nel dettaglio, svelare la semplicità matematica che si cela dietro processi in atto da miliardi di anni: anche un’equazione può destare stupore.

B. Cox, J. Forshaw
Universal
Hoepli, 2017
304 pp., 27 euro

Per saperne di più:

L'equazione di Dio: da Einstein all'espansione dell'universo

L'esplorazione dell'universo: la rivoluzione che sta svelando il cosmo

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Paul Celan e Nelly Sachs: il Novecento in una corrispondenza

Le lettere tra il poeta Paul Celan e la poetessa e premio Nobel Nelly Sachs raccontano un'Europa ancora traumatizzata dall'Olocausto

La crepa: viaggio ai confini dell'Europa

Il reportage narrativo del giornalista Guillermo Abril e del fotografo Carlos Spottorno racconta le ferite dell'Europa a partire dalle sue frontiere

I diari bollenti di Mary Astor: lo scandalo a luci rosse del 1936

Edward Sorel, illustratore del New Yorker, racconta lo scandalo che negli anni Trenta coinvolse l'attrice Mary Astor e il regista George Kaufman

"Gli uomini mi spiegano le cose": riflessioni sulla sopraffazione maschile

Una raccolta di articoli della celebre saggista Rebecca Solnit per riflettere da una prospettiva femminista sulle forme dell'abuso di potere

Negroland, il memoir di Margo Jefferson

Margo Jefferson, critica teatrale del New York Times, racconta la sua formazione identitaria di ragazza borghese di colore negli Usa degli anni Cinquanta

Commenti