Libri

'Straniera' di Pamela Schoenewaldt. La recensione

Il disperato viaggio di una giovane donna italiana durante l’emigrazione del Diciannovesimo secolo

Straniera di Pamela Schoenewaldt

Valeria Merlini

-

Una storia lunga un viaggio, il viaggio che occorre per rinascere e ricominciare.

Una storia che parte dall’Italia e termina in America.

Straniera (Ianieri edizioni) il romanzo di Pamela Schoenewaldt che lo racconta.

Opi è un piccolo paesino arroccato sui monti dell’Abruzzo, una comunità ristretta di gente che combatte contro il freddo, la fame e che tutto ci appare tranne che felice.

Irma è una di loro, anche se ancora la sua vita si deve compiere. Vive con il padre e la Zia, con Carlo il fratello che partirà per primo per inseguire il sogno americano di una nuova vita. Che inizia nel momento stesso in cui anche Irma si lascia alle spalle il borgo (e un fatto che molto l’ha scossa) per scendere a valle e dirigersi verso l’imbarco di Napoli, verso quella realtà americana di cui tanto ha sentito parlare.

Lungo il tragitto incontra e si scontra con la malaria, il suo primo contatto con il mondo che sta oltre Opi. E arrivata a Napoli ancora non ha idea della donna che diventerà una volta toccato il suolo americano.

Perché la lunga traversata fortificherà il suo carattere, la porrà a confronto con una resistenza che ignorava di possedere, mentre la navigazione prima e la sua nuova vita poi le faranno incontrare donne e uomini diversi ma uniti da una simile condizione. Quella di immigrati.

Con un desiderio, una lettera in tasca e un sogno, Irma sbarca nel Nuovo Mondo per raccontare l’emigrazione italiana Oltreoceano nel Diciannovesimo secolo. Tema quanto mai attuale, visto però questa volta da un’altra prospettiva.

Con grande sensibilità e un'eccellente abilità narrativa, Pamela Schoenewaldt segue la “sua” protagonista Irma dapprima nella lunga traversata in terza classe e poi nelle tante avventure che la timida ma indomita sartina affronta lungo la strada che da New York la porta a Cleveland, poi a Chicago e infine a San Francisco: lunghi spostamenti in treno, incontri con rapinatori e criminali, padrone avide e disoneste, la terribile esperienza dello stupro per arrivare alla svolta finale.

Straniera
di Pamela Schoenewaldt
Ianieri edizioni, 2018

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La trilogia Mount di Meghan March. La recensione

A volte stringere un patto con il diavolo è la cosa migliore che puoi fare. Soprattutto quando ti rendi conto che è tutt’altro che il diavolo

'Vite vulnerabili' di Pablo Simonetti

Dodici racconti che mettono a nudo le nostre fragilità

'Io ti amo' di Irene Cao. La recensione

Tornano Elena e Leonardo, i protagonisti della prima trilogia della Cao

Commenti