Libri

'Salvami da me stesso' di Brian “Head” Welch

Come ho trovato Dio, lasciato i Korn, dato un calcio alle droghe e vissuto per raccontare la mia storia

Salvami da me stesso di Brian “Head” Welch

Valeria Merlini

-

Notizie relative a questa o quella conversione religiosa da parte di celebrità sono abbastanza comuni, ma troppo spesso sembra che le sopracitate illuminazioni non siano poi seguite da alcun reale cambiamento nello stile di vita, la prima e più comune prova di una vera trasformazione nel cuore.

Brian "Head" Welch è una dei pochi personaggi che ha declamato il cambiamento nella sua vita e cui ha reagito immediatamente con una profonda metamorfosi personale.
Welch è stato membro fondatore della controversa nu metal band Korn che ha venduto oltre 30 milioni di album e ha ottenuto 8 nomination ai Grammy (con 2 vittorie). Dopo essere diventato cristiano, Welch ha lasciato quasi immediatamente la band e il vecchio stile di vita da frontman maledetto.

Salvami da me stesso (Chinaski) è la sua storia, raccontata per incoraggiare a cercare una relazione intima e profonda con Dio. E per dimostrare che se lo si desidera si possono abbandonare i propri demoni.

Ho ricevuto l’amore di Dio che poi ho trasmesso anche a mia figlia, e mi ha cambiato! Il mio cuore è cambiato. Il mio sogno era diventato realtà, molto più di quanto avessi mai sognato. Voglio dire, avevo tutto: denaro, suonavo nei più grossi eventi, possedevo case e automobili. Ho provato tutto, il sesso, le droghe, ogni tipo di cosa pur di provare piacere in questa vita. Credevo davvero di poter colmare il mio vuoto con tutto questo, ma non è andata così. Il mio sogno di bambino, sfondare con la musica era divenuto realtà, tutto si era realizzato ma ciò non aveva riempito la mia vita! Solo Cristo l’ha fatto”.

Con uno sguardo sincero e oscuro al suo passato, Welch descrive con vivido dettaglio lo stile di vita che ha scelto di lasciarsi alle spalle. Scrive delle sue “inutilidipendenze da alcool, metanfetamine e altri narcotici. Scrive ancora di come sia stato far parte del caos dei bus turistici nei tour di Ozzfest e The Family Value e racconta l'estrema depravazione che è la vita del rocker heavy metal.

Sebbene la leggenda del rock sia spesso, quando non sempre, accompagnata da questi forti retroscena, è sempre scioccante ascoltare i racconti dalla viva voce di chi li ha vissuti.
Questo libro offre uno spaccato della sua vita prima, durante e dopo la conversione.

Non è facile leggere di droghe, alcol, abusi e sessualità che hanno pervaso la sua vita e quelle dei suoi compagni di band. Eppure questo è ciò che ha scelto di non nascondere. Nemmeno quando la nascita della figlia non è riuscita a dargli la forza necessaria per fermarsi e scendere dal carrozzone mediatico del successo.

La coraggiosa autobiografia racconta nel dettaglio gli intimi pensieri di un uomo che ha trovato la fede. E oggi come oggi fa sempre bene essere salvati, qualsiasi cosa rappresenti questa salvezza. E che riconduce alla spiritualità.

Salvami da me stesso. Come ho trovato Dio, lasciato i Korn, dato un calcio alle droghe e vissuto per raccontare la mia storia
di Brian “Head” Welch
Chinaski, 2018

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

'Come essere un uomo (e altre illusioni)' di Duff McKagan. La recensione

Liberati del rancore, ama la tua famiglia, sii un amico leale e suona il dannato rock

'Bad Obsession' di Ken Paisli. La recensione

Il rock non è morto. È sceso all’inferno

'Milano di carta' di Michele Turazzi

La guida letteraria per conoscere Milano dalla prospettiva dei più grandi autori del Novecento

Commenti