Alfred Hitchcock e Kim Novak
Libri

Questo è il libro che incantò Hitchcock

Adelphi ripubblica "La donna che visse due volte", un giallo perfetto. Un capolavoro come il film

È un regalo a cinéphile e lettori quello che Adelphi fa ripubblicando La donna che visse due volte, della premiata coppia di giallisti francesi Thomas Narcejac e Pierre Boileau.

Intanto perché la scrittura di questo thriller psicologico straordinario dà il piacere di una bevanda fresca in una giornata torrida: scorre e rivitalizza. Il plot e la tenuta dei personaggi sono talmente perfetti che pagina dopo pagina il film che Alfred Hitchcock trasse dal libro sfuma sul fondo, ci si dimentica il volto di Kim Novak e quello angosciato di James Stewart.

Ciò che emerge è la forza della storia stessa, con il tema del doppio, della verità/menzogna, della vertigine amorosa e fisica.

Rimane cioè il libro, con la sua determinazione ad incantare il lettore. Anzi, leggenda vuole che i due autori francesi scrissero La donna che visse due volte con l’idea di conquistare i favori del regista. Vinsero la sfida, il film si guadagnò due Oscar e figura nella classifica dei fra i 100 più belli mai realizzati.

Molte sono le differenze fra scrittura e grande schermo, dall’ambientazione al colore dei capelli della protagonista (si sa, Hitchcock era ossessionato dalle bionde), dal finale allo sviluppo delle dinamiche fra i due amici uomini.

Come ricorda il risvolto di copertina, Francois Truffaut, intervistato sul perché di questa ossessione amorosa, rispose: “c’è un uomo che vuole andare a letto con una morta. È pura necrofilia”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti