A Pozzuoli il festival letterario 'La pagina che non c'era...'

Andrea Bajani, Maurizio de Giovanni, Paola Soriga e Andrea Tarabbia: quattro scrittori si muovono tra i banchi di scuola, invitano alla lettura e alla scrittura. Per un concorso per "completare" le loro opere

Paola Soriga, Maurizio de Giovanni, Andrea Bajani, Andrea Tarabbia (Credits: La pagina che non c'era)

Simona Santoni

-

Quattro scrittori si muovono tra i banchi di scuola, portando tra i ragazzi i loro libri e stimolandoli a leggere e a trovare sfumature da aggiungere. Ecco così "La pagina che non c'era", che è festival letterario ma anche concorso, per gli alunni del triennio della scuola secondaria di II grado.

Autori piuttosto giovani presentano romanzi piuttosto diversi gli uni dagli altri. Ecco così all'istituto "Pitagora" di Pozzuoli Andrea Bajani e il suo Se consideri le colpe, Maurizio de Giovanni con Vipera, Paola Soriga con Dove finisce Roma e Andrea Tarabbia con Il demone a Beslan. L’1 e il 2 marzo discutono delle proprie opere con tutti gli studenti delle scuole superiori italiane iscritti al concorso.

L’incontro con gli scrittori, ma anche quello tra i vari studenti, appartenenti a scuole, città e realtà differenti, diventa una preziosa occasione di confronto intorno alla parola (letta, immaginata, raccontata e, infine, scritta). Un confronto fecondo, che consente ai ragazzi di entrare in contatto con gli autori dei romanzi senza la mediazione degli adulti e senza distanze gerarchiche, e che costituisce un momento fondamentale del successivo processo creativo.  Dopo aver incontrato gli autori, infatti, gli studenti scriveranno una pagina – "la pagina che non c’era" – da aggiungere in un punto qualsiasi del romanzo scelto fra i quattro proposti, imitando lo stile dell’autore e mimetizzandosi nella sua opera.

I vincitori del concorso saranno gli studenti autori delle pagine migliori che, secondo il giudizio di una giuria composta da insegnanti e scrittori, a giugno riceveranno i premi, consistenti naturalmente in libri.

Alla terza edizione, il progetto nel dicembre 2012 è nato da un’idea di due insegnanti del "Pitagora". Diana Romagnoli e Maria Laura Vanorio, ed è interamente gestito dagli allievi partecipanti. Gli studenti campani si occupano anche di ospitare i loro coetanei provenienti da scuole di altre regioni, mentre gli scrittori sono ospiti di strutture alberghiere locali che generosamente hanno accettato di sponsorizzare l'iniziativa.

© Riproduzione Riservata

Commenti