Milano è donna di Luisa Mariani e Giovanni Zaccherini
Libri

'Milano è donna' di Luisa Mariani e Giovanni Zaccherini

Una città animata, innovata e plasmata dalle donne protagoniste della vita metropolitana

Una città è fatta di storia, monumenti, strade, ma soprattutto di donne e uomini che vi sono nati e vissuti oppure che l’hanno scelta come patria d’elezione o, ancora, per necessità. Il nuovo che avanza sono le donne, portatrici di valori che possono cambiare prospettive e sistemi considerati inamovibili. Sono generalmente figure discrete, consone allo stile milanese, poco esibizionista e parolaio e molto concreto e operativo.

Attraverso 70 interviste, Milano è donna (Jaca Book) si prefigge di mettere in luce e raccogliere almeno una parte di queste figure femminili, ponendo nelle caselle della vita della città un nome di donna che rappresenti se stessa, le sue competenze, l’istituzione in cui opera e il suo rapporto con la metropoli.
Una sorta di dialogo tra Luisa Mariani, Giovanni Zaccherini e le donne interpellate che scava anche nel profondo dell’ambiente cittadino: aspetti, incontri, luoghi, personaggi che svelino le mille sfaccettature di Milano e della milanesità al femminile.

Basta osservare l’attività che ogni giorno si svolge nelle strade, nelle piazze e negli uffici della nostra città, dove la presenza delle donne risulta determinante per Milano: donne manager, studentesse, insegnanti, mamme, impiegate, casalinghe, pensionate, camminano o, molto spesso, corrono da una parte all’altra, tra casa e lavoro, per costruirsi una carriera, per accompagnare i figli a scuola, per formarsi, per accudire le proprie famiglie, per portare a termine impegni professionali, per fare la spesa o semplicemente per divertirsi in compagnia.

A Milano sono nate le importanti ricerche scientifiche di Elena Cattaneo e le toccanti liriche di Vivian Lamarque, qui si è sviluppato il pensiero critico di Lea Melandri e il giovane talento musicale di Arianna Dotto, le creazioni di moda di Marina Spadafora e le opere teatrali di Serena Sinigaglia. Che cosa le accomuna? Che cosa rende significativo il loro essere donne nel guardare alla produzione del pensiero, della scienza e della politica?

Io penso che a fare la differenza sia la volontà delle donne di puntare con coraggio a progetti di lungo periodo senza fermarsi per attendere un ritorno immediato. E, allo stesso tempo, la loro capacità di impegnarsi in programmi di ampio respiro senza perdere l’attenzione per i piccoli dettagli di cui è fatto il vivere quotidiano. E Milano le aiuta e le sostiene, esalta la loro abilità nell’unire le forze, nel fare rete tra associazioni e singole, per uscire dalla segmentazione e sviluppare progettualità comuni.Anna Scavuzzo (Vice-sindaca di Milano)

Milano è donna. Le milanesi che fanno grande la città
di Luisa Mariani, Giovanni Zaccherini
Jaca Book, 2017

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti