Giornata della memoria: due libri per ragazzi per non dimenticare

Un libro per Hanna e L’anno della maturità: una ragazza e un ragazzo di epoche diverse si trovano davanti alla Storia

Un libro per Hanna, Miryam Pressler, il Castoro

– Credits: Il Castoro

Ilaria Cairoli

-

Due libri che raccontano la Storia ai ragazzi: una testimonianza di vita vissuta da una ragazzina ebrea durante il nazismo e il racconto di una vacanza al mare di un ragazzo di oggi, che diventa un viaggio nel passato tra le vicende della Resistenza. Parliamo di Un libro per Hanna e di L’anno della maturità, pubblicati in questi giorni, in occasione della Giornata della memoria

Un libro per Hanna , Miryam Pressler, il Castoro, 2014 

Nasce dall’ispirazione di un incontro importante per poi diventare un romanzo a distanza di anni: è Un libro per Hanna di Miryam Pressler, pubblicato da il Castoro in questi giorni, per aggiungere il racconto di una preziosa nuova storia alla Giornata della memoria.  

È proprio l’autrice a raccontare nella piccola introduzione al libro come è nata la storia di Hanna: 

Ho conosciuto Hanna B. più di trent’anni fa, in un kibbutz nella Galilea superiore, e da allora l’ho incontrata quasi ogni anno. Andavamo d’accordo e spesso facevamo lunghe chiacchierate insieme. Naturalmente mi ha raccontato anche molte cose della sua vita. 

La sua morte, nel 2006, è stata un duro colpo per me e da quel momento non ho mai smesso di pensare a lei. (…) Non voglio che la storia di Hanna B., per quanto la conosco passi sotto silenzio e venga dimenticata. Non potevo scrivere un libro su Hanna, ormai è troppo tardi, allora ho scritto un libro per Hanna. 

Un libro per Hanna sta a metà tra il romanzo e la storia: Miryam Pressler ha preso spunto dalla testimonianza di vita vissuta di una donna ebrea, che all’epoca del nazismo era poco più che una bambina, per farne un romanzo che abbiamo la possibilità di leggere ora, per non dimenticare. 

Nel 1939 Hanna ha 14 anni ed è ebrea, abita in Germania dove le leggi razziali sono state promulgate da pochi anni. La vita non è semplice per lei. L’unica speranza è quella di emigrare, insieme ad altre ragazze come lei, in Palestina grazie ad un’organizzazione sionista. Tappa intermedia: la Danimarca. Così Hanna lascia la famiglia e si mette in viaggio verso la salvezza insieme alle amiche Mira, Bella, Rosa, Rachel, Sarah. Certo nessuna di loro poteva prevedere che Hitler, di lì a poco, avrebbe invaso proprio la Danimarca, dove loro attendevano di partire verso la lontana Palestina. Le sei ragazze verranno deportate nel campo di concentramento di Theresienstadt. È qui, nelle condizioni estreme, che si rafforza la loro amicizia, fondando una piccola comunità solidale, che ha una sola importantissima regola: non arrendersi mai.

Un'avventura terribile che ha come sfondo il legame forte che lega sei ragazze che si trovano a dover affrontare la Storia troppo presto. 

L’autrice, Mirjam Pressler, scrive libri per ragazzi dal 1980, ha tradotto in tedesco il Diario di Anne Frank ed è autrice del saggio I Frank. La storia della famiglia di Anne Frank. Nel 2010 ha ricevuto il prestigioso Deutscher Jugendliteraturpreis alla carriera. 

Da 13 anni in su. 

L’anno della maturità , Anna Balzarro, Sinnos, 2014

Roma, 28 luglio 1987
L’appuntamento è alle otto e un quarto davanti a scuola, come è sempre stato per nove mesi l’anno negli ultimi cinque anni. Solo che stavolta partiamo per le vacanze.
Mi chiamo Giulio Righetti e ho appena finito gli esami di maturità. Ma in questa avventura non mi sto mica lanciando da solo: con me ci sono quattro dei miei più cari amici, quelli con cui ho condiviso gioie e dolori degli anni di lice. Solo quindici giorni fa studiavamo come matti, adesso invece…

Ora è il momento di partire per le vacanze: quelle della maturità. Giulio parte insieme agli amici per Monterosso, Liguria, dove nonna Ester ha una casa che gli ha lasciato a disposizione. 

I cinque amici non sanno, che oltre ad una vacanza al mare, si troveranno ad affrontare il passato: il ritrovamento di una lettera misteriosa li catapulta indietro nel tempo e la curiosità di scoprire qualcosa di più sulle proprie famiglie li porta a condurre un’indagine tra sospetti terroristi, vecchi partigiani, ferite non rimarginate…la chiave della storia è proprio nonna Ester, staffetta partigiana tradita e vittima di una violenza nazista. 

Giulio ci racconta la storia attraverso i suoi occhi di ragazzo di 18 anni, lontano nel tempo dalle vicende accadute, ma vicino emotivamente al ricordo di quella che è stata la vita delle persone che lo circondano. L’anno della maturità è un romanzo che racconta il valore della memoria e dell’impegno, per raccontare alle nuove generazioni ciò che è successo poco prima di loro, affinché la storia non si ripeta nei suoi aspetti più terribili. 

Anna Balzarro è una storica della Resistenza e L’anno della maturità, pubblicato da Sinnos , è la sua prima riuscitissima prova come autrice di romanzi per ragazzi. 

Da 13 anni in su.

© Riproduzione Riservata

Commenti