Libri

I libri più belli del 2013: biografie e autobiografie

Scrittori, registi, artisti, uomini e donne straordinarie: storie di varia umanità raccontate dai protagonisti e dai loro migliori estimatori 

(tratto dal libro Art Made from Books, Chronicle Books, 2013)

Quest'anno la biografia di cui tutti parlano ci è un po' mancata. Le uscite di libri interessanti sono state tante, ma non ci sono stati i casi letterari che hanno riempito le classifiche per mesi, come è accaduto nel 2011 con Open  di Agassi e nel 2012 con L'ultima riga delle favole  di Gramellini. Ecco dieci, belle storie di vite molto diverse che vale la pena di leggere. Tralasciando un po' lo sport: se vi interessano Myke Tyson, Javier Zanetti e Max Biaggi li trovate qui

Country Girl, di Edna O'Brian  (Elliott Edizioni)
Forza e tenacia si fondono nella vita dell'autrice di Ragazze di campagna , libro simbolo della lotta femminile, riportato quest'anno alla ribalta in Italia da Elliot Edizioni. Edna racconta la sua infanzia irlandese, dal periodo della scuola al suo primo romanzo, poi la fuga dalla vita conventuale e il matrimonio. Si soffre con lei quando ha il blocco dello scrittore e ci si sente trascinati dalla sua passione per la vita.

Io sono Malala, di Malala Yousafzai  (Garzanti Libri)
Malala è tristemente nota: è stata sfigurata a colpi di pistola mentre tornava a casa, in Pakistan, all'età di 15 anni. Il proiettile che doveva ucciderla, però, si è rivelato la sua arma contro le ingiustizie e la violenza contro le donne. Oggi questa ragazza è il simbolo universale delle donne che combattono per il diritto alla cultura e al sapere, ed è stata la più giovane candidata al Premio Nobel per la pace. Io sono Malala ha da poco vinto il "National Book Award" come libro dell'anno nella categoria non-fiction.

Storia di una professoressa, di Vauro Senesi  (Piemme)
C'è un Vauro vignettista e satirico , che conosciamo bene, e un Vauro più intimo, piacevolmente scoperto con questo libro, in cui racconta la storia di Ester, un'insegnante che crede nel suo lavoro e nel suo ruolo. Attraverso la professoressa, rivivono 40 anni di scuola italiana, tempestati dall'entusiasmo e la generosità di chi crede ancora nel valore dell'istruzione.
 
Pieno giorno, di J. R. Moehringer  (Sperling & Kupfer)
Siamo nella New York caotica e degradata degli anni della Grande Depressione, laddove Willie Sutton, il più grande ladro di banche di tutti i tempi, si racconta a un giornalista e a un fotografo. Più che una vera e propria biografia, la sua storia sembra un thriller poliziesco di tutto rispetto. C'è qualcosa di Open  in questo libro: l'autore, bravissimo, è il ghost writer che ha portato al successo planetario la vita di Agassi. 

Wimbledon. Sessant'anni di storia del più importante torneo del mondo, di Gianni Clerici  (Mondadori)
Con la passione che ha contraddistinto per anni le sue radiocronache sportive e i suoi articoli, Gianni Clerici rievoca l'evoluzione di uno dei tornei di tennis più famosi del mondo attraverso i profili dei suoi protagonisti. Ma guai a confondere questo libro con un repertorio, perché qui dentro c'è tutto l'entusiasmo dell'appassionato: dalle vittorie di Jimmy Connors a quelle di Bjorn Borg, dal profilo di John McEnroe ai record di Roger Federer e di Martina Navratilova. 

Nato a Casal di Principe, di Amedeo Letizia e Paola Zanuttini  (Minimum Fax)
Amedeo Letizia, oggi autore e produttore cinematografico, ricostruisce la sua vita in una delle città simbolo della mafia e della camorra campane. Un romanzo autobiografico in cui racconta come è fuggito dal destino segnato che lo avrebbe reso un criminale e dalla realtà che gli ha portato via il fratello.

Padroni del destino. La lezione di Nelson Mandela, di Richard Stengel  (Rizzoli)
Nell'anno della sua scomparsa, una biografia su Mandela è d'obbligo. A raccontarne la vita è Richard Stengel, che ha condiviso con Mandela una parte importante della sue battaglie per l'uguaglianza e la liberà dei popoli.
 
Notizie dall'interno, di Paul Auster  (Einaudi)
E' il secondo anno che Auster ci regala un pezzetto  della sua storia. In questo breve romanzo autobiografico, l'autore si concentra sulla sua infanzia nell'America degli anni Cinquanta, caratterizzata dalle esperienze e dagli incontri che hanno plasmato il suo mondo interiore.

Gratitude, di Lorenzo Jovanotti  (Einaudi)
Venticinque anni di musica e di successo raccontati con tutta la spontaneità che ha conquistato i fans di Jovanotti. Lorenzo parte in sordina e poi via via cosparge di ritmo il racconto della sua vita, fatta di musica e di persone, nutrita dall'affetto di quelle vicine e di quelle che non ci sono più, come suo fratello.

The Butler, di Wil Haygwood  (Newton Compton)
Il libro è appena arrivato in Italia, ma ha riscosso grande approvazione negli USA ed è stato trasposto in una pellicola che vedremo al cinema a partire dal 1 gennaio 2014. Narra la storia vera di Eugene Allen, nero, di umili origini, maggiordomo alla Casa Bianca dal 1957 al 1986, che ha visto passare nella sala ovale ben  otto  presidenti degli Stati Uniti. Lotta di classe, piccola e grande storia vista attraverso gli occhi un afroamericano. 

@antotris

© Riproduzione Riservata

Commenti