Gialli per l'estate: 10 casi per 10 detective

In giro per l'Italia e l'Europa con gli ultimi casi degli investigatori nati dalla fantasia degli scrittori

Particolare della copertina di "Fantasmi del passato" di Marco Vichi (Guanda)

Antonella Sbriccoli

-

Viaggiare in compagnia di un giallo da risolvere è molto eccitante, soprattutto se il delitto è di carta e l'assassino ha alle calcagna un detective nato dalla fantasia di uno scrittore. In queste 10 storie i cadaveri sono ancora caldi - odorano di stampa - e gli investigatori sono talmente veri che, se non sapessero di inchiostro, penseremmo di averli incontrati al bar, o per strada, nei luoghi in cui vivono e indagano. Siamo andati a trovarli, in giro per l'Italia e l'Europa, viaggiando tra le pagine degli ultimi casi che hanno affrontato.

-Sulla costa valenciana con il detective Arturo Zarco 
Quello creato da Marta Sanz è un personaggio atipico e disilluso, che attinge alla tradizione del poliziesco di Chandler e vorrebbe vivere nella scenografia di un film di Fritz Lang. Bello e complesso, come l'architettura di questo thriller magistralmente costruito.
Il libro: Marta Sanz, Un buon detective non si sposa mai (Nutrimenti)

-A Napoli con l'ispettore Ricciardi 
Un tuffo nel passato. Siamo nella Napoli degli anni Trenta. E c'è lui, il commissario Ricciardi, nato dalla fantasia di Maurizio De Giovanni e giunto alla sua settima avventura. A contraddistinguerlo la sua signorilità, la sua umanità e la sua capacità di rivivere "il fatto", ovvero di immedesimarsi negli ultimi istanti di vita della vittima.
Il libro: Maurizio De Giovanni, In fondo al tuo cuore (Einaudi)

-A Firenze con il commissario Bordelli 
Chi conosce Marco Vichi e il suo Bordelli, con loro rivive il clima che si respirava a Firenze negli anni Sessanta e Settanta. Bordelli è saggio e generoso, dotato di una sete di giustizia e di una forza morale che neanche i fantasmi del passato possono scalfire.
Il libro: Marco Vichi, Fantasmi del passato (Guanda)

-Sulla costiera amalfitana con il commissario Martusciello 
Il commissario di Pozzuoli creato da Patrizia Rinaldi ha un'anima popolare e la capacità tutta mediterranea del "C’a putimm fa", ce la possiamo fare, con pazienza e mantenendo la calma. Questa è la sua terza avventura, intrisa di Pozzuoli, Napoli e di una narrazione piena di passione.
Il libro: Patrizia Rinaldi, Rosso caldo (e/o)

-Sul lago d'Orta con il vicecommissario Enea Zottìa 
Zottìa è milanese come Marco Polillo, che lo ha inventato anni fa, ma indaga ovunque, e fornisce piste su piste. Mille indizi apparenti che non faranno mai intuire come sono andate le cose fino alla fine, quando un colpo di scena svela qualcosa di totalmente inatteso.
Il libro: Marco Polillo, Il convento sull'isola (Rizzoli)

-A Oxford con l'ispettore capo Morse 
Un poliziotto in perfetto stile british, esponente del poliziesco classico "alla Simenon". Colin Dexter lo ha creato negli anni Settanta, ma ci affascina ancora. Gran bevitore, popolarissimo in Inghilterra - Morse è stato anche il protagonista di una fortunata serie televisiva. E' un uomo colto, esperto di musica e di letteratura. Quando si tratta di indagare, non lo batte nessuno.
Il libro: Colin Dexter, Il segreto della camera 3 (Sellerio)

-A Sanremo con il commissario De Vincenzi  
Questo personaggio è nato dalla penna di Augusto de Angelis, scrittore morto nel 1944 per le percosse fasciste. Di De Vincenzi, che si muove nel clima degli anni Trenta con un fare tutto suo, ci piace il suo essere malinconico e discreto. Negli anni Settanta Paolo Stoppa lo interpretò in uno sceneggiato televisivo. È il protagonista di quindici romanzi, e ogni volta che l'editore Sellerio ne ripubblica uno è un piacere leggerlo. 
Il libro: Augusto De Angelis, Il canotto insanguinato (Sellerio)

-A Roma con la poliziotta Colomba Caselli 
Nuovo personaggio per Dazieri, Colomba ha trent'anni, è bella, atletica, ma dura. La vita le ha riservato delle brutte sorprese, tanto che ha deciso di allontanarsi dalle indagini. Eppure, quando un delitto la chiama, non può tirarsi indietro.
Il libro: Sandrone Dazieri, uccidi il padre (Mondadori)

-In Bretagna con il Commissario Dupin 
Jean-Luc Bennalec continua a regalarci le avventure di questo commissario parigino. Trapiantato in Bretagna, Dupin si adatta, ma a volte non resiste alla vita di provincia e manifesta la sua insoddisfazione con uno humor molto francese che diverte.
Il libro: Jean­Luc Bannalec, Lunedì nero per il commissario Dupin (Piemme)

-In Liguria con il medico legale Ardelia Spinola 
Quella di Cristina Rava è l'investigatrice che mancava nel panorama italiano: femminile, amante dei gatti, ligure fino al midollo. Una sorta di Kay Scarpetta italiana assolutamente da incontrare.
Il libro: Cristina Rava, Dopo il nero della notte (Garzanti)

@antotris

© Riproduzione Riservata

Commenti