Harry Potter e la Maledizione dell’Erede
Libri

L’eredità di Harry Potter, un classico che fa crescere i lettori

La lettura di Harry Potter ha aiutato a sviluppare strumenti per vivere meglio? Risponde la Generazione Harry Potter

In occasione dell’imminente uscita di Harry Potter e la Maledizione dell’Erede, ottava storia della saga, la casa editrice Salani, che dal 1998 cura le edizioni italiane, ha reso noto il sondaggio condotto tra i giovani lettori del maghetto per capire come la sua lettura abbia inciso sulle loro vite e come il mondo fantastico contenuto nei libri continui ad influenzare le nuove generazioni.

Harry Potter ha rappresentato (e rappresenta) un fenomeno editoriale senza precedenti: oltre 11 milioni sono le copie vendute nel nostro Paese sin da quel lontano 1998 quando apparve il primo libro, Harry Potter e la Pietra filosofale.

I numeri delle vendite parlano da soli. Ma cosa ha realmente significato Harry Potter per i suoi lettori e qual è stato il messaggio principale che è passato dalle pagine della saga al singolo lettore?

Ecco quindi che la Doxa, società leader di settore, ha condotto l’indagine sui giovani cresciuti con Harry Potter (sono giovani tra i 18 e i 30 anni, nati cioè tra il 1986 e il 1998, oltre a bambini tra i 5 e i 13 anni) per arrivare a definire che persone sono diventate oggi, cosa ha rappresentato per loro e nella loro crescita, e arrivando persino a testimoniare se la lettura di Harry Potter li abbia aiutati a sviluppare strumenti con il quale oggi riescono a vivere meglio.

Chi sono i giovani cresciuti con Harry Potter?

Alto numero di lettori di Harry Potter
Il 73% del campione intervistato ha letto Harry Potter. Il 43% è classificabile come lettore forte (più di 4 libri), mentre il restante 30% dichiara di averne letto tra uno e tre libri (lettori deboli). Un ulteriore 27% dichiara di non averne letto mai nessuno (non lettori).

La «Generazione Harry Potter»
Il campione dichiara di essersi avvicinato ai libri stimolato dalla popolarità del fenomeno: tutti conoscevano la saga, tutti nel gruppo degli amici leggevano e/o vedevano i film, se ne parlava molto, si impersonavano giochi di ruolo. In particolare i lettori più forti (hanno letto tutti e sette i libri) dichiarano di mantenere uno stretto legame con la saga anche da adulto continuando a rileggerli (oltre a rivedere i film).

Valori forti per la crescita, quindi insegnamenti preziosi
I valori che il campione maggiormente attribuisce a Harry Potter sono l’amicizia, il coraggio, il gioco di squadra, la capacità di non arrendersi di fronte agli ostacoli e la lealtà. Ma sono molto forti anche altri valori come l’impegno e il rispetto per gli altri.

Harry Potter ha trasmesso passione per la creatività, ha insegnato a fantasticare e ha aiutato a crescere
Il 42% per cento dei lettori forti dichiara che Harry Potter ha stimolato la sua creatività; il 50% che ha stimolato la sua fantasia e nel 34% dei casi ha aiutato nella crescita.

Harry Potter ha concorso a formare nuovi lettori che oggi, da adulti, hanno gusti eterogenei e ampi
I lettori di Harry Potter (46% lettori forti e 7% quelli deboli) attribuiscono alla lettura della saga il merito di aver trasmesso la passione per la lettura. Una passione che si è mantenuta anche in età adulta (numero di libri letti nell’ultimo anno, 8 per i lettori forti e 4,7 per quelli deboli). Il lettore forte di Harry Potter è diventato da adulto un lettore più curioso e aperto al nuovo, con gusti eterogenei rispetto a chi ha letto pochi libri della saga o non ne ha letti.

I lettori forti di Harry Potter hanno più passioni e sono più eclettici
Chi ha letto più di quattro libri di Harry Potter da ragazzo manifesta più interessi su diversi temi rispetto ai lettori deboli o ai non lettori. Oltre alla lettura, è più appassionato di viaggi, cinema, arte, design, giardinaggio e cura degli animali.

I lettori forti di Harry Potter si definiscono più aperti e sorridenti e più in armonia con il proprio contesto
I lettori forti di Harry Potter mostrano una personalità aperta e disponibile mentre la lettura di Harry Potter ha concorso a formare persone ottimiste, concrete, sicure di sé e in generale in armonia con se stesse, con gli altri e con il mondo circostante.

E per finire, l’indagine tra gli intervistati della Doxa ha anche evidenziato che nonostante il mondo si sia man mano affollato di nuovi personaggi e mondi fantastici, il gradimento si è stabilizzato al 37%, quindi ha risentito ben poco della presenza dei nuovi trend (solo pochi altri personaggi hanno dimostrato la stessa costanza negli anni riuscendo a conquistare un alto gradimento da parte dei bambini: Topolino e i Classici Disney, Tom & Gerry, Geronimo Stilton, Pokémon).

Infine, i bambini coinvolti nella ricerca delineano temi, valori ed emozioni che le avventure di Harry Potter sono in grado di trasmettere come, amicizia, coraggio, paura, avventura, magia, forza della fantasia e la lettura come divertimento.

Se Harry Potter ha saputo quindi scatenare la passione per la lettura in molti ragazzi, si può altrettanto facilmente affermare che leggere Harry Potter rende felici!

Harry Potter e la Maledizione dell’Erede
di J.K. Rowling
Salani
Dal 24 settembre

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti