La via del vizio
Libri

La via del vizio, il romanzo d'esordio di Bram Stoker tradotto in italiano

Non solo "Dracula". Il primo libro dello scrittore irlandese, finora inedito in Italia, è pubblicato da Edizioni della Sera

Il personaggio più famoso di Bram Stoker, il Conte Dracula, ha ispirato oltre 200 film, numero secondo solo a Sherlock Holmes. L'iconico vampiro è entrato inscindibilmente nella cultura popolare facendo dello scrittore irlandese una delle più grandi penne del romanzo gotico.

Giovane impiegato di pubblica amministrazione con la passione per il teatro, Stoker iniziò a scrivere come critico teatrale per The Evening Mail. Quando aveva 29 anni, nel 1876, le sue ottime recensioni attrassero l'interesse del celebre attore teatrale di epoca vittoriana Henry Irving, di cui divenne assistente e amico. Stoker cominciò a scrivere romanzi con continuità mentre lavorava per Irving e mentre era segretario e direttore del Lyceum Theatre di Londra. Nel 1890 pubblicò Il passo del serpente, passando poi per il suo capolavoro Dracula, nel 1897, fino all'ultimo del 1911 La tana del Verme Bianco.

In verità, però, ancor prima del prezioso incontro con Irving, che lo portò a girare il mondo e a conoscere Sir Arthur Conan Doyle, Hall Caine e l'alta società inglese, Stoker aveva scritto un romanzo diviso in cinque puntate pubblicate su The Shamrock, rivista settimanale irlandese. Si tratta de La via del vizio (titolo originale The Primrose Path), datato 1875, suo libro di debutto che finalmente è stato tradotto in italiano e pubblicato da Edizioni della Sera

Precede Dracula di 22 anni e ci fa respirare la scrittura di uno Stoker all'epoca ventisettenne. Protagonisti Jerry e Katey O’Sullivan, una felice coppia dublinese cui è da poco nato il terzo figlio. Jerry è un lavoratore onesto e capace, ma non gli basta. L’ambizione lo porta ad accettare, contro il volere della famiglia, un’offerta di lavoro come carpentiere teatrale a Londra. Quella che egli crede una grande opportunità di carriera riserverà a lui e a tutta la famiglia O’Sullivan delle conseguenze inaspettate e spaventose, in un crescendo di miseria, malattia, abiezione morale e violenza ingiustificata. Un tragico passaggio che porterà l’uomo, divorato dalla depressione e accecato dalla rabbia, a precipitare nel baratro dell’alcolismo e trasformerà gli squallidi ambienti familiari in autentici luoghi dell’orrore.

In questo singolare romanzo giovanile, Bram Stoker ci narra una storia di realismo gotico caratterizzata da tinte tetre e drammatiche, dove il mostruoso per cui lo scrittore è noto entra nel quotidiano e lo avvelena irrimediabilmente.

La traduzione italiana de La via del vizio è a cura di Elisa Bolchi, ricercatrice di letteratura inglese presso l’Università Cattolica di Milano.

Bram Stoker
La via del vizio
Edizioni della Sera
181 pagine
Compra il libro

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti