Libri

La cultura pop di Brad Elterman e delle sue fotografie

David Bowie, Cher, Queen, Ramones e tanti altri, negli scatti di uno dei più famosi paparazzi raccolti nel libro ‘Dog Dance’

brad-elterman

Una recente immagine di Brad Elterman  – Credits: Amanda Edwards/Getty Images

L’universo delle grandi star, appartenenti a qualsiasi campo, dalla musica al cinema, esiste anche grazie al corollario iconografico che gli gira attorno. In particolare le fotografie, centinaia se non migliaia di istantanee che per decenni hanno portato a casa delle persone il sogno di vite a cento all’ora.

Uno dei più importanti interpreti degli ultimi quarant’anni di questo fenomeno si chiama Brad Elterman, fotografo professionista di Beverly Hills, che ha raggiunto fama mondiale partendo da qualche scatto fatto a Bob Dylan. Era il 1974 e il giovane Brad, allora appena un liceale diciottenne, aveva in mano un biglietto per un concerto del grande menestrello americano. Prima di andare ebbe l’idea che gli cambiò la vita: portò con sé una macchina fotografica.

Elterman mandò dunque alcune di quelle foto in Inghilterra, al Sounds, che le pubblicò. Da allora iniziò la sua carriera di paparazzo teenager della cultura pop, immortalando gruppi rock, idoli dei ragazzini, celebrità, spesso rubando scatti nei backstage e ai party privati, legando il suo nome a gente del calibro di Rod Stewart, David Bowie, Robert Plant, Cher, Joan Jett, Brooke Shields, o gruppi come Sex Pistols, Runaways, Who, Kiss, Queen, Blondie, Ramones, e tanti altri. In breve tempo ha fondato (e venduto) due importanti agenzie, la California Features International e Online USA, e dopo un decennio di scatti ha abbandonato la macchina fotografica. Almeno fino ad un paio di anni fa.

Elterman, che oggi ha quasi 60 anni, ha raccolto buona parte di queste avventure in Dog Dance , un libro per immagini da poco uscito negli Stati Uniti, in cui racconta, attraverso i suoi lavori, un decennio di glamour e lussuosa decadenza che ha avuto il privilegio di vivere e per certi versi costruire, seguendo come un ombra i grandi protagonisti del jet set internazionale.

© Riproduzione Riservata

Commenti