Libri

Krisiko, la grande crisi è un gioco maledetto: ecco come uscirne

Un libro a due voci: Vito Monaco e Francesco Carraro. Prefazione di Magdi Cristiano Allam

borse-crisi-cina

Redazione

-

Krisiko, di Vito Monaco e Francesco Carraro (prefazione di Magdi Cristiano Allam, Il Torchio, 2015) è un libro a due voci sulla crisi economica e finanziaria iniziata nel 2008.

Il frame che gli autori decidono di applicare alla crisi è piuttosto originale:
proviamo, dicono a interpretarla come un gigantesco gioco di società con i suoi protagonisti, le sue regole, i suoi vincitori e i suoi sconfitti?
Forse ci piacerebbe scoprire chi lo ha inventato, come funziona e per quali ragioni. Strada facendo, potremmo imparare che il fenomeno crisi può essere decifrato, anche se a qualcuno conviene tenerci all’oscuro perché è preferibile un popolo di pedine ignare piuttosto che un popolo di giocatori consapevoli.

Un giornalista interroga un avvocato-scrittore in un serrato botta e risposta, con un solo obiettivo: capire per salvarsi.

krisiko-torchio-editore

Particolare della copertina – Credits: Torchio editore

Se anche le forze beneficiarie della crisi (e il vento storico che le asseconda) sono apparentemente imbattibili, in realtà una via d’uscita esiste e si offre all’intraprendenza e al coraggio di chi vorrà e saprà vederla.

Questo libro è un dialogo a due voci che si sofferma su tutte le tappe del big game: dalla tirannia dei nuovi dei della finanza globale alle favole della buonanotte sul debito pubblico, dalla natura fasulla e menzognera del mito europeo alla struttura barocca e irrazionale della UE.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Crisi delle banche e dei mercati: è un nuovo 2008?

Ecco perché sebbene lo scenario dell'economia "reale" sia diverso da allora, i rischi restino numerosi e i risultati potrebbero essere altrettanto gravi

Le tre inutili mosse di Mario Draghi

La Bce abbasserà ancora i tassi, alzerà il debito pubblico acquistato ogni mese e allungherà il tempo del Qe. L’economia reale non ripartirà, comunque

Banca Carige, i motivi della crisi e della bocciatura Bce

La Banca Centrale Europea chiede all'istituto genovese di rivedere il piano industriale, per adeguarsi allo scenario “deteriorato”. E il titolo crolla

Le 3 cose che Draghi non può dire

Non siamo in crisi ma in cambiamento, il QE non rilancerà l'economia, le tasse non finanziano gli investimenti ma il debito

Commenti