'Jane, la volpe & io': storia di Helene, piccola Jane Eyre contemporanea

Solitudine, ironia e bullismo in un romanzo illustrato dalla grafica affascinante.  

Jane, la volpe & io

– Credits: Isabelle Arsenault, Mondadori

Ilaria Cairoli

-

È stato tra i dieci migliori libri illustrati del 2013 per il New York Times e in Italia è pubblicato da Mondadori , è delicato, ironico e commovente, è in bianco e nero e colorato, racconta una storia un po’ malinconica, ma decisamente vera: è Jane, la volpe & io, un’interessante via di mezzo tra libro illustrato e graphic novel scritta da Fanny Britt e illustrata da Isabelle Arsenault

Helene si sente sempre fuori posto: a scuola, a casa, nei negozi, in campeggio. Se potesse, diventerebbe trasparente pur di non dare nell’occhio. Purtroppo però le sue compagne di scuola non mancano di metterla al centro dell’attenzione, prendendola continuamente di mira con scherzi e piccole umiliazioni. Si immagina come una salsiccia di Tolosa in costume, perché è così che la dipingono gli altri: grassoccia e puzzolente. 

Oggi è impossibile andare a spasso. Anche nei corridoi della scuola. O in cortile. Perfino sulle scale in fondo. Quelle che vanno verso l’aula di arti plastiche e che puzzano di latte cagliato. Quelle sono dappertutto. Come i loro insulti. Scarabocchiati sui muri. 

C’è un momento in cui Helene si sente bene, ed è quando apre il suo libro preferito: Jane Eyre. Leggere le apre le porte ad un mondo diverso e colorato, che le rende più sopportabile il grigiore che la circonda. Jane Eyre è una buona amica di carta, le sue storie tengono compagnia ad Helene nei momenti più difficili. Un'eroina ottocentesca però, non può nulla contro la temutissima gita di classe.

Nel costume Monaco, mi sento una salsiccia ballerina. Nel costume nero, sono una salsiccia in lutto. Sono comunque una salsiccia. Jane Eyre sarà anche orfana, sporca, trascurata, sola e abbandonata, ma non è mai stata né mai sarà una grossa salsiccia. 

Per fortuna ogni tanto le aspettative più nere vengono ribaltate da un incontro speciale nel bosco e da un’inaspettata compagnia. 

L’adolescenza, il bullismo, la solitudine raccontati con intelligenza, originalità e un tratto grafico affascinante ed ironico. Il racconto di Helene non lascia indifferenti e piacerà a tutti, ragazzi e adulti, perché parla agli occhi e al cuore. 

Da 10 anni in su.

Jane, la volpe & io , Isabelle Arsenault, Fanny Britt, Mondadori, 2014

© Riproduzione Riservata

Commenti