J.K. Rowling, in arte Robert Galbraith: il nuovo romanzo

Uscirà la prossima estate ‘The Silkworm’, il seguito de ‘Il richiamo del cuculo’, seconda crime novel della mamma di Harry Potter 

jk-rowling

J.K. Rowling – Credits: Carl Court/AFP/Getty Images

Andrea Bressa

-

Non è stata solo una sortita una tantum: J.K. Rowling è pronta a far uscire per la prossima estate un’altra crime novel sotto lo pseudonimo di Robert Galbraith. Si intitolerà The Silkworm, e, dopo Il richiamo del cuculo (Salani), costituisce il secondo capitolo della serie dell’investigatore privato Cormoran Strike.

Curioso il fatto che l’autrice di Harry Potter insista nel “nascondersi” dietro a un nome fittizio, quando in realtà aveva già provato a liberarsi dalla pesante presenza del maghetto di Hogwarts firmando nel 2012 Il seggio vacante (Salani). Curioso, anche perché, proprio facendo trapelare l’inganno letterario a pochissimo tempo dalla pubblicazione de Il richiamo del cuculo, riuscì a far impennare le vendite in modo davvero sostanzioso.

Che sia una forma di sdoppiamento di personalità , non poi così inusuale nella categoria degli scrittori, o più semplicemente una sorta di coerenza letteraria tra linea narrativa e firma stilistica, rimane il fatto che una delle regine delle vendite degli ultimi vent’anni riesce sempre a trovare un modo di far parlare di sé.

In The Silkworm il detective privato e veterano di guerra Cormoran Strike, di nuovo a fianco del suo giovane assistente Robin Ellacott, si troverà coinvolto nella ricerca dello scrittore scomparso Owen Quine.

La moglie dell’autore inizialmente pensa a un allontanamento temporaneo del marito e contatta Strike per riuscire a trovarlo. Ma con l’avanzare delle indagini diventa sempre più chiaro che la scomparsa di Quine può essere la conseguenza di qualcosa di molto pericoloso. Lo scrittore, infatti, ha da poco completato un manoscritto ricco di velenose rivelazioni riguardanti alcune persone che gli stanno attorno: se il libro dovesse essere pubblicato sarebbe la rovina per qualcuno. Le cose si complicano quando Quine viene ritrovato morto, assassinato brutalmente da un killer che sembra intenzionato a colpire ancora.

© Riproduzione Riservata

Commenti