Marina Jonna

-

Petunia Dursley, la sorella della madre di Harry, e il marito Vernon prendono il nipote dopo la morte dei  suoi genitori, e lo allevano a fianco del proprio figlio Dudley, ma costretto a vivere nel sottoscala. Ma perché gli zii di Harry Potter lo odiavano? Come mai lo hanno adottato per poi trattarlo malissimo e ignorarlo nella vita quotidiana?

Questi e altri quesiti sono stati posti all'autrice di Harry Potter e finalmente JK Rowling si è decisa a rivelarlo: il tutto in un piccolo racconto scritto e pubblicato sul sito dedicato al maghetto: Pottermore.

La Rowling spiega come la loro crudeltà nei confronti di Harry sia da ricondurre alla gelosia di Petunia nei confronti delle abilità magiche di sua sorella di Lily, gelosia coltivata fin dall'infanzia. E l'avversione di Vernon di qualsiasi cosa fuori dal comune.

Ma non solo.

A quanto scrive l'autrice, dietro l'odio di Vernon e Petunia Dursley sarebbe dovuto al cattivo rapporto con James (il padre di Harry). E racconta un episodio:


Quando erano al loro ultimo anno ad Hogwarts, Petunia, sorella della madre di Harry, aveva invitato Lily, e il suo fidanzato James ad incontrare il suo fidanzato Vernon.

Come racconta JK Rowling, già dal primo incontro Vernon si sentiva preso in giro da James, soprattutto quando alla domanda "Che auto guidi?”, James rispose parlando della sua scopa da corsa.

La reazione non fu per nulla composta. Vernon, che detestava magia e stregoneria, disse che i maghi avrebbero dovuto vivere con i sussidi di disoccupazione. James, di contro, gli raccontò dei lingotti d'oro posseduti dalla sua famiglia e custoditi nella banca dei maghi Gringott.

La serata si concluse con Petunia e Lily che uscivano infuriate dal ristorante e James che prometteva di provare al più presto a fare pace con Vernon. Cosa che non successe mai.

Quando Petunia e Vernon si sposarono, Lily e James non furono invitati. E Petunia seppe della nascita di Harry da una lettera di Lily.

Cosa c’entra dunque Harry? Il piccolo mago avrebbe conquistato l’odio dello zio per la sua somiglianza con il papà James (stesso motivo per cui Severus Piton, odiava Harry ).

Quando arrivò una lettera da parte di Silente con la notizia dell'omicidio dei Potter, Petunia "sentiva di non aver altra scelta" e prese Harry a malincuore, scrive Rowling.
Ma, costretta dunque ad allevarlo, trasferì la sua gelosia e l'odio del marito sul piccolo Potter.

La Rowling rivela anche che il nome Petunia deriva dalla sua infanzia: era il nome con cui lei e sua sorella, nei loro giochi, chiamavano i personaggi femminili più sgradevoli.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Chi legge Harry Potter è meno razzista e più tollerante

E' il risultato di una ricerca italiana pubblicata dal Journal of Applied Social Psychology

Harry Potter adulto in un nuovo racconto di J.K. Rowling

Sul sito Pottermore l’autrice britannica racconta il futuro del maghetto e dei suoi amici, tra matrimoni, figli e nuove cicatrici

Commenti