'Amore'. Parola di Isabel Allende

Le più belle pagine di Isabel Allende sull’amore, il sesso, i sentimenti

Isabel Allende, Amore (particolare della cover) - Credits: Feltrinelli

Valeria Merlini

-

Una volta lessi da qualche parte che la differenza tra l’erotismo e la pornografia è che nel primo caso si usa una piuma e nel secondo la gallina, ma per me la differenza è che la pornografia è copulazione meccanica mentre l’erotismo prevede sentimenti e una storia”.

Io Isabel Allende la porto nel cuore. Alla domanda “qual è il tuo scrittore preferito?” (detto proprio così, come se si parlasse ad un bambino di 3 anni) io risponderei senza esitare: “Isabel Allende ”. Perché La casa degli spiriti è oltre. Al suo pari solo L’amore ai tempi del colera . Ma questa è un’altra storia.

Il libro era quello che aspettavo. Credo che tutti i suoi lettori lo attendessero, perché in Amore (Feltrinelli ) si ritroveranno le più belle pagine in fatto di amore, sesso e sentimenti di tutta la grandiosa opera di Isabel Allende.

Se pensavate ad un libro erotico da parte dell’autrice rimarrete delusi. D’altronde l’Allende l’ha sempre detto: “Non ho mai scritto un libro erotico. Forse lo farò quando sarà morta mia madre, per non darle un dispiacere. Con la sessualità sta succedendo la stessa cosa che con la violenza: si esagera sempre di più per interessare un pubblico ormai sazio. Ormai non c’è niente di nuovo da offrire”.

Il libro è diviso nelle stagioni dell’amore. Dal Risveglio alla Maturità, passando per il Primo amore, la Passione, la Gelosia, gli Amori contrastati, Eros e umorismo, la Magia dell’amore e l’Amore duraturo, Isabel Allende introduce e sintetizza la visione di quel particolare aspetto della relazione, contestualizza i brani prescelti e ne approfitta per ripercorrere la sua autobiografia in materia amorosa, aggiungendo nuovi aneddoti all’affresco della sua vita intima.

Come quando inizia la sua introduzione così: “La mia vita sessuale è iniziata presto, più o meno a cinque anni, all’asilo delle suore Orsoline a Santiago del Cile”. Attraverso gli anni e le vicissitudini personali, i trasferimenti all’estero, le prime cotte, le femministe e le donne tutte, l’autrice ci accompagna nelle tappe della sua vita con l’innegabile ironia e le sue verità: “Imparai una cosa che mi sarebbe servita per il resto della vita e per la letteratura: il sesso senza coinvolgimento, per quanto acrobatico possa essere, mi annoia: ho bisogno di umorismo, di conversazione, di simpatia, di qualcosa da condividere oltre le lenzuola”.

Amore
di Isabel Allende
Feltrinelli, 2013
(208 pagine)

@violablanca

© Riproduzione Riservata

Commenti