Libri

Internet censura gli scrittori? Ecco come

L’era dei social network sta trasformando il lavoro degli autori, sempre più condizionati dalla comunità della Rete

Internet censura gli scrittori? Ecco come

Internet censura gli autori? – Credits: IsaacMao

C’è chi sostiene che il mestiere di scrittore nell’era dei social network sia profondamente cambiato. I feedback immediati e non filtrati che arrivano dalla Rete, magari a commento di recensioni o di articoli che parlano di autori e delle loro opere, sembrano incoraggiare una tendenza all’autocensura che minaccia di soffocare lo sforzo letterario.

Almeno è questo il pensiero di Patrick Ness , autore americano di libri per ragazzi (e non solo), che alla Edinburgh World Writers' Conference ha parlato della paura di vedere le proprie parole “fraintese o mal interpretate” su Twitter. “Anche se nessuno lo dice a voce alta” ha aggiunto Ness “la maggior parte di noi sembra accettare, per esempio, i commenti agli articoli del Guardian, che occasionalmente contengono spunti interessanti, ma che sono molto più spesso gli sfoghi superficiali di troll provocatori che non leggono oltre il sottotitolo”.

Anche China Miéville , giovane scrittore inglese di romanzi fantasy, ha notato il fenomeno, ma la sua posizione sembra più conciliante. “L’autocensura era inevitabile e desiderabile” ha detto “Ci sono milioni di cose che non si dovrebbero dire […] il punto in questa discussione è comprendere la distanza tra il diritto legale di dire qualcosa i il diritto morale di non essere rimproverato per aver scritto qualcosa di sgradevole”. In sostanza, per Miéville, se uno non vuol vedersi piovere addosso cascate di fango, in qualsiasi circostanza, riguardo a ciò che scrive, è bene che si autocensuri.

Si tratta di un parere più che lecito, ma è comunque sempre triste immaginare un autore costretto a frenare la propria libertà espressiva, soprattutto se influenzato da commenti o provocazioni spesso non sostenute da solide argomentazioni o profondità di pensiero.

Qual è invece la vostra opinione?

© Riproduzione Riservata

Commenti