elegy-for-a-dead-world-1
Libri

Il videogioco per imparare a scrivere

Elegy for a Dead Word invita il giocatore a realizzare la propria opera letteraria, attraverso l’esplorazione di mondi ispirati a Shelley, Byron e Keats

Sono infiniti i modi per trovare il giusto avvio alla penna sul foglio bianco. E tanti sono i suggerimenti, le scuole e i prontuari che promettono (e talvolta mantengono) di formare scrittori esperti. Ma forse il premio per il più bizzarro fra tutti questi strumenti va a Elegy for a Dead World.

Si tratta di un videogame, sviluppato da Ziba Scott e Ichiro Lambe per la casa di produzione americana Dejobaan Games, in cui il giocatore è invitato a esplorare tre mondi post apocalittici basati su un trio di opere di altrettanti importanti poeti romantici di lingua inglese: Ozymandias di Percy Bysshe Shelley, Darkness di Lord Byron e When I Have Fears That I May Cease to Be di John Keats.

In questi tre mondi disabitati, chiamati con i nomi degli autori a cui si ispirano, ci si muove attraverso la desolazione e numerose tracce di civiltà decadute. Chi gioca deve esplorare questi universi e, aiutato dai suggerimenti proposti, provare a redigere piccoli brani, in prosa o in versi, che possano descrivere l’ambiente e, soprattutto, il proprio stato d’animo, attraverso una davvero ampia libertà d’espressione.

elegy-for-a-dead-world-2

– Credits: Dejobaan Games

Il meccanismo, incorniciato da una grafica davvero suggestiva, dovrebbe riuscire a portare il giocatore/scrittore alla creazione di una sorta di diario intimo e, infine, di piccola opera personale.

In questo video è possibile avere un assaggio di come funziona il videogioco.

Una volta completato il racconto è possibile condividerlo con altri giocatori attraverso il sito Steam Workshop o addirittura farselo stampare (con un costo aggiuntivo). Elegy for a Dead World è acquistabile online a 14,99 dollari.

elegy-for-a-dead-world-3

– Credits: Dejobaan Games

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti