Il nuovo romanzo di Murakami secondo la critica

Da pochi mesi in Occidente, l’ultimo lavoro di Haruki Murakami ha già conquistato le principali testate

haruki-murakami-nuovo-romanzo

Uno scaffale colmo di copie dell'ultimo romanzo di Haruki Murakami – Credits: MIDA / EPA / Kimimasa Mayama

Andrea Bressa

-

L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio è l'ultima arrivata fra le opere di Haruki Murakami. Si tratta del tredicesimo romanzo nella carriera dell’autore giapponese, che segue l’epico 1Q84 . Quando uscì in patria circa un anno fa vendette un milione di copie nella sola prima settimana. Sbarcato in questi mesi anche in Occidente, dove era molto atteso, ha già registrato numerosi e importanti commenti favorevoli.

Noi ne abbiamo raccolti tre, fra le più autorevoli voci della stampa internazionale.

L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio è pieno di sesso e conturbanti ambiguità “kafkiane”, proprio come buona parte dei suoi vecchi lavori. Così si esprime Mark Lawson del Guardian , che ritrova nella storia di Tazaki Tsukuru anche molti altri ingredienti tipici della scrittura di Murakami; ingredienti che, abbinati alla grande attenzione dedicata alla prosa e alla trama, hanno contribuito ad accrescere la fama di pubblico e di critica del giapponese.

Per il New York Times la voce che giudica è quella di Patti Smith, che ritrova nel libro diverse continuità stilistiche e di atmosfera con molte opere del maestro giapponese: L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio sembra dunque avere lo stesso spirito minimale de La ragazza dello Sputnik o Norwegian Wood , ma con la stessa vibrante energia di L'uccello che girava le viti del mondo.

Come in 1Q84, poi, la realtà è toccata da mondi paralleli, in particolare attraverso il sogno. C’è infine un tocco di quella fragilità distintiva di Kafka sulla spiaggia , oltre ai soliti cari riferimenti musicali quasi imprescindibili per lo scrittore nipponico. La Smith lo consiglia, sostenendo che si tratta di un libro che si adatta a qualsiasi tipo di lettore, anche ai meno esperti.

Secondo Alexander Nazaryan di Newsweek , infine, l’opera intera di Murakami “si compone di splendidi incubi stranamente familiari, inseriti nella contemporaneità del Giappone, con una costante colonna sonora di languido jazz americano imbevuto di Heineken”. Oriente e Occidente, dunque, che si incontrano con efficacia nella scrittura del maestro di Kyoto.

Nazaryan concede a L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio il merito di essere molto più accessibile di 1Q84 in termini di lunghezza: è la storia compatta di un uomo e di una perdita che non si comprende appieno, “Ma una volta superate le prime 100 pagine non vi staccherete”. Parla di una trama sorprendentemente semplice per “un mago inquieto come Murakami, i cui movimenti fluidi attraverso il tempo e lo spazio gettano di solito nella spazzatura ogni regola di scrittura narrativa”.

© Riproduzione Riservata

Commenti