Libri

Il mondo di Murakami in un videogioco

‘Memoranda’ è il titolo del videogame in cerca di fondi su Kickstarter, espressamente ispirato all’universo letterario creato da Haruki Murakami

haruki-murakami

Andrea Bressa

-

Che le opere di Haruki Murakami siano diventate fonte di ispirazione per milioni di lettori nel mondo è ormai indubbio, ma che possano diventare anche il cuore pulsante di un videogioco sembra ancora difficile da immaginare.

O meglio, qualcuno in realtà ci ha pensato. Si tratta di una squadra di programmatori canadesi chiamata Bit Byterz che hanno recentemente presentato su Kickstarter Memoranda, un videogame ‘punta e clicca’ espressamente ispirato al mondo letterario creato dall’autore di Norwegian Wood.

 

Sulla pagina di Kickstarter si legge: “Pensiamo che la realtà vaga e aliena del mondo di Murakami abbia in sé una grande potenzialità visiva e possa portare alla creazione di personaggi splendidamente strani, un elemento essenziale nel design di un gioco”.

Ed è così che dal trailer si intuisce una grande presenza di elementi fantastici e surreali nella vita quotidiana raccontata nel gioco, proprio come nei meccanismi narrativi dello scrittore giapponese. I trenta personaggi e i quaranta scenari presenti nel gioco sono presi, ovviamente, da più di venti racconti di Murakami. Il filo conduttore, per ogni plot, è la perdita: di un amore, della salute, del talento. Lo scopo del gioco è ritrovare ciò che si è perso, risolvendo enigmi di varia difficoltà.

Se dovesse raggiungere il goal con il crowdfunding, Memoranda uscirà probabilmente il prossimo dicembre, disponibile per Pc, Linux e Mac.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

‘Yesterday’, Haruki Murakami pubblica un nuovo racconto

Pubblicata sul New Yorker, la storia del maestro giapponese si ispira all’omonima canzone dei Beatles

Il gioco da tavolo di 'Shining'

Sono scaricabili online gratuitamente i materiali per realizzare un gioco di società ispirato al bestseller di Stephen King

10 cose da sapere su Haruki Murakami

In una recente intervista il maestro giapponese ha svelato una serie di curiosità su di sé, parlando di scrittura, vita e ossessioni

Commenti