I 10 libri più abbandonati

Tra i romanzi che sembrano mettere più in difficoltà i lettori ci sono quelli di J.K. Rowling, E.L. James e Stieg Larsson

libri-abbandonati

Ci sono libri che mettono in difficoltà – Credits: Flickr/ ICU

Andrea Bressa

-

A chi non è mai capitato di abbandonare la lettura di un libro? Magari con un po’ di senso di colpa, ripromettendosi di riprenderlo in un momento più appropriato. Altre volte il rimorso non ci sfiora nemmeno, di fronte a opere che davvero non si riesce a digerire. C’è anche chi invece arriva sempre fino in fondo, abbagliati dalla speranza che la fine sarà il riscatto per il sacrificio subito, ma che in cuor loro sanno benissimo che stanno facendo una violenza a se stessi.

I motivi per i quali un libro non va giù sono molteplici: gusti personali, aspettative, difficoltà testuale e così via. E spesso variano da persona a persona. Ma esistono dei titoli che ricorrono piuttosto spesso nelle liste nere.

Goodreads , uno dei maggiori social network dedicati ai bibliofili incalliti, ha pubblicato un’interessante indagine su questo fenomeno.

Oltre a una panoramica sulle motivazioni di chi decide di non proseguire, dalle risposte degli utenti è emersa una classifica dei cinque romanzi maggiormente rifiutati tra i più recenti.

- Il seggio vacante di J.K. Rowling, vittima delle diverse aspettative di quei lettori che si erano affezionati allo stile alla Harry Potter;

- Cinquanta sfumature di Grigio di E. L. James, in questo caso un po’ per snobismo e un po’ per troppo imbarazzo;

- Mangia, prega, ama di Elizabeth Gilbert. Qui il tarlo è nella protagonista che ai più appare come “lamentosa ed egocentrica”;

- Uomini che odiano le donne di Stieg Larsson. Per la maggior parte degli utenti il bestseller dello svedese parte troppo lentamente, perdendo sulla strada i meno pazienti;

- Strega: Cronache dal Regno di Oz in rivolta di Gregory Maguire. Un titolo un po’ meno conosciuto, che ha avuto successo grazie al musical di Broadway, ma che sembra non aver avuto lo stesso appeal.

Dal sondaggio si è stilata inoltre un’altra top five, questa dedicata ai grandi classici più difficili per il lettore medio. Ed eccoli in ordine di abbandono:

1. Comma 22 – Joseph Heller
2. Il Signore degli Anelli – J.R.R. Tolkien
3. Ulisse – James Joyce
4. Moby Dick – Herman Melville
5. La rivolta di Atlante – Ayn Rand

© Riproduzione Riservata

Commenti