Hermann Hesse, la nuova collana Oscar Mondadori

Chi l'ha detto che i classici sono libri vecchi e noiosi? L'autore di Siddharta torna in libreria in una nuova bellissima edizione, elegante e minimale

Hesse

Giulio Passerini

-

Non è facile disegnare una veste grafica per una collana di classici. Di solito ci si cava d’impaccio dichiarando da qualche parte sul prospetto “questo è un classico” e si piazza in copertina un’immagine dell’autore, un ritratto d’epoca (che poi si finisce per scambiare con l’autore stesso), si osa col neovintage scegliendo di accostare colori acidi a stilemi classici, oppure si sceglie una rilegatura di pregio. Pertanto quando si vede un progetto pulito, nuovo e originale non si può che essere piacevolmente sorpresi.

È il caso della nuova collana Oscar Mondadori dedicata a Hermann Hesse disegnata da Gianni Camusso. Dei libretti deliziosi, che stanno in una mano, rilegati ma dalla copertina morbida, così da poter stare comodamente in tasca o in una borsetta.

Minimali e semplicissimi, sul prospetto non riportano che l’autore, il titolo discreto e un’esilissima illustrazione pastello sullo sfondo. L’attenzione del lettore si concentra sul nome dell’autore che occupa tutta la pagina in una bella font dal sapore déco che coniuga leggerezza ed eleganza. L’uso di colori decisi aiuta poi a svecchiare dei titoli solitamente avvolti da una tale aura di solennità da risultare spesso respingenti.

Piacerà ai giovani, piacerà a chi a Hesse non si è mai avvicinato e invece vorrebbe, piacerà insomma a tutti quelli che vogliono incontrare uno dei più grandi autori della letteratura mondiale senza per questo sentirsi costretti sui banchi di scuola. Un’operazione giovane, minimale e di classe, libri che molto semplicemente vien voglia di prendere in mano e sfogliare. Dieci e lode.

© Riproduzione Riservata

Commenti