È morto Giulio Andreotti: 5 libri per capirlo

Si è spento all'età di 94 uno dei maggiori protagonisti della vita politica italiana. Ecco il suo ritratto "cartaceo"

giulio-andreotti-morto-libri

Giulio Andreotti – Credits: ANSA

Davide Decaroli

-

L'ultima immagine che si sovrapporrà alle altre rimarrà forse quella di Toni Servillo che lo incarna in Il divo di Paolo Sorrentino. Ma su Giulio Andreotti (o di sua produzione) esiste una bibliografia sterminata, un mosaico di libri che andrebbe letto nella sua interezza per comporre un quadro completo e profondo del politico più unico che raro nella storia italiana. Per fare selezione, ecco cinque libri che aiutano a capirlo meglio.

2000. Quale terzo millennio? – Giulio Andreotti (Rizzoli)
In questo scritto il Divo Giulio offre il proprio punto di vista sui temi più svariati, in grado di dividere destra e sinistra, credenti e non credenti: il petrolio e le fonti energetiche alternative, l'aborto e la procreazione assistita, l'amnistia, i ritardi della giustizia e le polemiche sulla magistratura. Ma non solo: con uno stile asciutto e cristallino, non privo dell'inconfondibile verve ironica, vediamo anche sfilare alcuni dei più importanti protagonisti del nostro tempo, da Papa Giovanni Paolo II a Bush, da Kofi Annan a Putin, da Gassman al cardinal Martini.

Il potere logora... ma è meglio non perderlo – Giulio Andreotti (Bur)
"A pensar male non si andrà in paradiso, ma si dice la verità". Andreotti si è spesso contraddistinto per l'indubbia vena scherzosa, che dietro alle battute al vetriolo nascondeva una visione lucida e disincantata del mondo che lo circondava (politica in primis). Questa libro è una sorta di ironica autobiografia, che attraverso la sfilza di osservazioni, rilievi e aforismi restituisce il ritratto di uomo da sempre "allergico ad ogni genere di discorsi e concetti complicati".

Andreotti. La vita di un uomo politico, la storia di un'epoca – Massimo Franco (Mondadori, 2008)
Una biografia scritta dall'editorialista del Corriere della Sera, che interpreta Andreotti come l'incarnazione dell'uomo di potere, la metafora di un'Italia in cui il passato non è mai solo passato. La vita e la carriera del politico corrono a fianco dei cambiamenti di un'epoca lunghissima, che va dalla monarchia alla seconda repubblica. Franco scava negli archivi e recupera documenti inediti e curiosi, foto e confidenze dei famigliari, per tracciare un profilo ricco e sfaccettato di uno dei simboli della politica italiana.

Andreotti il papa nero. Antibiografia del divo Giulio – Michele Gambino (Manni, 2013)
L'ultima biografia, uscita tre mesi prima della scomparsa. Il titolo allude alla natura controversa del politico più longevo della storia italiana. Dai rapporti con la mafia alle generose donazioni a orfani e vedove, dai summit internazionali alle frequentazioni con il 'popolino', da Licio Gelli ai papi, Andreotti resta per certi versi un enigma irrisolvibile secondo Gambino, che disegna un Belzebù (uno dei soprannomi) inedito, puntando sulla sua psicologia, il senso religioso, le passioni nascoste dietro una maschera impenetrabile.

L'innocenza di Giulio. Andreotti e la mafia – Giulio Cavalli (Chiarelettere, 2012)
Politica e Giustizia attraverso la vicenda dei processi per mafia contro Giulio Andreotti. Il politico democristiano ha trascorso gli ultimi anni della sua carriera difendendosi dall'accusa più pesante, mentre la politica cercava di allungare le mani sull'amministrazione della giustizia. Giulio Cavalli tira le fila del processo Andreotti cercando di ristabilire la vittima di questo scontro di poteri: la verità.

------------

2000. Quale terzo millennio? – Giulio Andreotti (Rizzoli)
Il potere logora... ma è meglio non perderlo – Giulio Andreotti (Bur)
Andreotti. La vita di un uomo politico, la storia di un'epoca – Massimo Franco (Mondadori, 2008)
Andreotti il papa nero. Antibiografia del divo Giulio – Michele Gambino (Manni, 2013)
L'innocenza di Giulio. Andreotti e la mafia – Giulio Cavalli (Chiarelettere, 2012)

© Riproduzione Riservata

Commenti