Alla fiera del libro di Francoforte

L'edizione 2012 della Frankfurter Buchmesse, la più grande rassegna libraria al mondo, raccontata per immagini...

Photo Department

-
 

Per il pubblico i battenti della Buchmesse di Francoforte apriranno solo domani, 13 ottobre, ma la più grande rassegna libraria del mondo ha inaugurato ufficialmente il 9 ottobre scorso, alla presenza di Guido Westerwelle, ministro degli Esteri, e di Simon William English, vicepremier della Nuova Zelanda, Paese ospite di questa 64ma edizione , che si presenta con 300 manifestazioni, 100 artisti, una settantina di scrittori e altrettanti titoli, tradotti in tedesco per l'occasione. La Fiera si sviluppa su una superficie di 169.000 metri quadrati e conta quest'anno la presenza di 7.300 espositori da 120 Paesi, tra cui 250 editori italiani, con la previsione di un numero di visitatori pari a 300.000.


Il focus di questa edizione è sui media digitali e sulla letteratura per bambini e ragazzi, un settore questo che rappresenta il segmento di maggior successo internazionale dell'editoria italiana, non solo nella vendita di diritti, cresciuti del 25%, ma anche nelle coedizioni, arrivate a 1.108. Un dato in controtendenza rispetto alla crisi dei consumi, illustrata dall'Associazione italiana editori (AIE) a Francoforte, che sta colpendo pesantemente il mercato italiano del libro: se nel 2011 aveva registrato un calo del -3,7%, nei primi nove mesi del 2012 è peggiorato, scendendo a -8,7%. Per la prima volta dal 2007 cala anche la lettura: oggi sono 25,9 milioni gli italiani che leggono almeno un libro, 723 mila meno del 2010. Lievi segni positivi per il mercato ebook.

© Riproduzione Riservata

Commenti